13mar 2020
Libri da leggere d'un fiato - "Oggetti smarriti"
Cose estinte che raccontano un mondo che cambia

Un libro romantico? Forse ma sopratutto un testo gradevolissimo e a tratti divertente. Che si legge d'un fiato. Il tema, gli oggetti perduti, amati e dimenticati. I “carissimi estinti” come li definiscono teneramente i due autori Giorgio Maimone e Luca Pollini. "Oggetti smarriti" (1) questo il titolo del bel testo edito Morellini che narra un fenomeno sociale inarrestabile, il turn over, "morte lenta" o repentina di quelle cose che, spesso, hanno accompagnato intere generazioni. Come la sottoscritta, classe 68', che ha letteralmente vissuto (almeno per parte della propria gioventù) con la gomma da cancellare, il floppy disk, le carte telefoniche, fiume di cartoline, la cartacarbone (in realtà "ai miei tempi" era già a fine vita), le musicassette, l'ovetto per rammendare le calze (si cari millennial, c'era chi lo faceva!), la moquette tanto in voga negli anni '80, la mitica enciclopedia Treccani e molto, molto altro ancora.

Cose che sono state vicine a noi, testimoni silenziose di anni spensierati, di formazione e anche di dolore. Una sorta di affetto materiale di quella Moka eterna al nostro seguito in campeggio, al campus universitario o nella prima casa. Certo, non "defunta" del tutto ma sempre più spesso soppiantata dalle "anonime" capsule per macchine da caffè di vario design. Uno scenario che pian piano si "smaterializza" davanti a nostri occhi, perdendo la propria fisicità per far spazio a una dimensione più povera di "phatos".

Ecco, di questo si parla nelle 172 pagine (2), dove il serial killer è la tecnologia e la pecora nera lo smartphone. Dove whatsapp è tutto fuorché sogno o passione. Una lenta (ma neanche troppo) "desertificazione emotiva". Ci sono poi gli oggetti "resuscitati" come i vinili che da qualche tempo stanno vivendo una seconda "giovinezza": perché rispetto ai digitali, "l'ascolto è un'altra cosa". E anche la semplice azione di ascoltarli prevede un tempo diverso, non basta un click. Gli autori trattano, inoltre, i mestieri a forte rischio tra cui gli edicolanti, i benzinai, i cassieri e... mi duole dirlo la mia categoria, i giornalisti. Segnali evidenti di un mondo in rapido cambiamento. Se in meglio, sarà solo la storia a dirlo. 

 

Oggetti smarriti - Piccolo catalogo delle cose perdute

Autori: Giorgio Maimone, Luca Pollini

Editore Morellini

Pagine: 172

Pubblicazione: 09/2019

Prezzo: 14,90 euro

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente ci siamo! L'agognata libertà (ma sempre con il rispetto delle dovute regole di distanziamento sociale) è arrivata! (1 - 2 - 3)Un periodo buio, inaspettato, sofferto e sopratutto di grandi cambiamenti per cui molte porte si apriranno e altre si chiuderanno per sempre. Ci guardiamo indietro e ci sembra di aver attraversato un sogno con i contorni quasi di un incubo dove alcuni di noi, da ora in poi, rimetteranno in discussione la propria vita e se stessi.Ecco... ora è lecito chiedersi cosa ci rimane del lungo...