25mar 2020
L'utilità del soul coach in tempi di crisi
Intervista a Sandro Pravisani "allenatore" di anime

Lo confesso, in principio ero un pò reticente. Non avevo mai approfondito l'attività di soul coaching e mi sembrava un ambito con troppe sfumature "oscure". Ma mi sbagliavo. Mi è bastato scorrere il profilo FB di Sandro Pravisani padovano e soul coach (1) da oltre vent'anni, per convincermi ad andare oltre, cercando anche risposte "dell'anima" capaci di portare un pò di sollievo in questo momento di dramma generalizzato.

Questa intervista è frutto di una chiacchierata al telefono, alla scrivania di casa: con pazienza, ho scoperto un mondo di grande spessore. Per star meglio con sé e con gli altri. Parola di coach (2).  

 

Soul coaching, raccontaci in cosa consiste esattamente? Perché le persone dovrebbero trovare sollievo o "ispirazione" dal tuo insegnamento? 

Le persone che si rivolgono a me sono privati (3), professionisti, aziende... alla ricerca di una svolta personale: raggiungere un obiettivo, superare uno stress o leggersi dentro per andare oltre. Ecco... io accompagno il coachee, l'attore del processo di coaching, a intraprendere un viaggio intimo affinché mente ed emozioni si allineino e i propri desideri sommersi diventino limpidi. Lo stesso processo avviene anche nelle aziende: insegno ad interagire in gruppo attivando in primis le competenze transpersonali (soft skills). La coesione di un Team si rafforza grazie a elementi come l'empatia, l'ascolto, la compassione, l'accoglienza, fondamentali per la soluzione di quei conflitti che a volte si scatenano nei gruppi di lavoro. In fondo, se come singolo imparo ad ascoltare e a crescere, anche l'équipe sarà più forte, coesa e rilassata. E di conseguenza più produttiva.

 

Facci un esempio pratico della tua attività didattica...

Normalmente studio un percorso su misura in cui le esperienze diventano fondamentali per connettersi con le intelligenze emotiva e sociale presenti in ognuno di noi ma che, generalmente, non vengono coltivate. Entrando in comunicazione con queste risorse, diveniamo consapevoli del nostro vero potenziale e dei benefici che possiamo apportare nell’interazione con gli altri.

 

Una sorta di regista, quindi?

Certo! Meglio ancora uno story teller dove le esperienze sono i miei strumenti per rispondere a tutti coloro che sentono di voler migliorare le loro relazioni, ottimizzare le proprie performance a ogni livello etc. Non a caso il coaching nasce nello sport, esattamente nel golf e trova grande rispondenza anche nell'apnea proprio per il processo di allineamento tra corpo ed emozioni.

 

Coronavirus, cosa consigli per affrontare questo momento in modo "equilibrato" e senza stress?

Penso al beneficio che può apportare la meditazione praticata ogni giorno (4). Uno strumento incredibile, efficacissimo che ci permette di aumentare la capacità di risposta agli eventi, quindi di resilienza. Una modalità alla portata di tutti per apprendere a guardarsi intorno con occhi nuovi e cogliere nella crisi quell'opportunità costruttiva in grado di farci capire cosa è meglio per noi. 

Detto questo, da due settimane conduco gratis sul mio profilo personale di FB delle pratiche di meditazioni in streaming con dirette audio (Sandro Pravisani - martedì e venerdì alle 21) alle quali partecipano diverse decine di persone. Sono occasioni per sentirsi vicini, collegati, per crescere insieme. Come vedi, usare in modo "sano" e intelligente i social network può fare la differenza.

 

Anche l'alimentazione ha una sua valenza positiva. Hai una "formula" per iniziare bene la giornata?

Condivido due ricette che ritengo ad hoc per questo periodo...

Una viene dalla medicina ayurvedica e si chiama Golden milk (5). Ecco le dosi per preparare la pasta di curcuma (sufficiente per un ciclo di 40 giorni):

Portare a ebollizione 130 gr d'acqua e 1/2 cucchiaino da tè di pepe nero. Spegnere e unire 40 gr di curcuma macinata mescolando fino a ottenere un impasto omogeneo che andrà messo in un contenitore ermetico e tenere in frigo.

Ogni mattina uniremo un cucchiaino di questo preparato a una tazza di latte bollito e un cucchiaio di miele (se non si usa latte vaccino è importante aggiungere un cucchiaio d'olio). Questa pozione disintossica il fegato, ma soprattutto rinforza il sistema immunitario.

L'altra nasce dal metodo Kousmine (6) fondato dalla Dott.ssa Catherine Kousmine. In un vasetto di yogurt, si mescolano 3 cucchiaini di miele, due cucchiaini di semi di lino, miglio, girasole, sesamo macinati e una banana tritata. Una bella spinta energetica che ci sostiene anche a livello sottile con l’energia dei semi.

 

Come vedi il mondo dopo il Coronavirus?  

Molto diverso ma con un grandissimo potenziale. Parlo, naturalmente, per esperienza professionale. Ogni crisi porta sempre con sé più di una opportunità su diversi livelli. Quanto sta accadendo ci spinge inevitabilmente a riconsiderare la nostra connessione con la natura e con noi stessi. Come se la natura invitasse a fare un corso accelerato di soul coaching. 

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente ci siamo! L'agognata libertà (ma sempre con il rispetto delle dovute regole di distanziamento sociale) è arrivata! (1 - 2 - 3)Un periodo buio, inaspettato, sofferto e sopratutto di grandi cambiamenti per cui molte porte si apriranno e altre si chiuderanno per sempre. Ci guardiamo indietro e ci sembra di aver attraversato un sogno con i contorni quasi di un incubo dove alcuni di noi, da ora in poi, rimetteranno in discussione la propria vita e se stessi.Ecco... ora è lecito chiedersi cosa ci rimane del lungo...