07mag 2020
Interior - Vivere la casa ai tempi del Coronavirus
I suggerimenti di Andrea Castrignano

"Fase 2": convivenza con il virus e ritorno graduale alla normalità. Durante la permanenza a casa forzata abbiamo imparato che lo smart working può essere un'attività altrettanto produttiva e soddisfacente, così come lo sport tra le mura domestiche, in primis yoga e pilates.

E proprio parlando di "quarantena" e della relativa organizzazione degli spazi per viverla al meglio, ecco che l'interior designer e volto noto della tv Andrea Castrignano (1) - a breve di nuovo in onda con il suo docu-reality “Cambio casa, cambio vita!” - elargisce suggerimenti preziosi per lo #stayathome (2 - 3). 

 

Partiamo proprio dallo Smart-Working...

Quasi 8 milioni di italiani ha capito che da casa si può essere produttivi come in ufficio o in azienda. 

“È però molto importante ricavare spazi idonei e funzionali per mantenere l’ordine" – premette Andrea Castrignano – "e facilitare la concentrazione. Un’idea che sto già studiando per i miei prossimi progetti riguarderà la zona living: sarà molto importante ripensare per esempio alla parete libreria che dovrà diventare una zona attrezzata per fungere da office domestico. Nel frattempo, è necessario ricavare un tavolo o una scrivania: la posizione migliore è vicino a una finestra per non stancare troppo la vista, aggiungendo illuminazione con una lampada da tavolo direzionabile. Organizzate i materiali necessari e i documenti in scatole con coperchio che a conclusione del lavoro possano essere riposte, soprattutto se non si possiede una scrivania e si utilizza magari il tavolo da pranzo. Altro dettaglio non secondario è una sedia comoda: spesso le sedie che abbiamo in casa non sono il massimo dell’ergonomia, è sufficiente aggiungere un cuscino morbido a quella della cucina”. Le riunioni virtuali in videoconferenza, o le sessioni di e-learning, sono all’ordine del giorno? “Consiglio di trovare un angolo della casa ben illuminato – continua Castrignano – e di posizionarsi con alle spalle un quadro o una libreria: darete di voi un’immagine senz’altro più professionale. Se ad abitare la casa siete in molti, cercate di sistemare un piccolo tavolo nella vostra camera da letto, vi garantirà un po’ di privacy e concentrazione”.

 

Fitness (4)

Dopo ore trascorse alla scrivania o anche semplicemente per scaricare un po’ di tensione, è molto importante prendersi cura del proprio benessere facendo esercizio fisico. Gli ultimi sondaggi sugli acquisti online degli italiani in quarantena hanno evidenziato che accessori per la cucina e ingredienti hanno ora lasciato il posto ad attrezzi e strumenti a tema gym. “Per potersi prendere cura di sé in casa basta davvero poco – spiega Castrignano. “Per prima cosa occorre creare spazio adeguato valutando quale oggetto è possibile spostare per il tempo necessario: un coffe table, una poltrona o un pouf possono facilmente fare largo a un atleta! Il secondo elemento fondamentale è un tappeto: se ne avete già uno vi aiuterà molto per gli esercizi a terra, altrimenti cercate di recuperarne uno da un’altra stanza. Se fate fitness con un insegnante online o attraverso dei tutorial sarà fondamentale posizionarsi vicino al proprio laptop o tablet: ecco che un tavolino può essere di grande aiuto”.

 

La mise en place (5)

L’estetica è di grande importanza anche nel cibo: come i migliori chef sanno bene, l’impiattamento è un dettaglio fondamentale, il primo approccio con un piatto è quello visivo. Per valorizzarlo al meglio è importantissima la mise en place, che si mangi da soli o in compagnia. “Sia per una famiglia, sia per i single, curare il momento del pranzo, o della cena, come fosse un’occasione speciale è fondamentale – spiega Andrea. “Anzitutto dedicate grande attenzione al mondo del tessile: tovaglie e tovaglioli o runner e tovagliette posso essere utilizzati in momenti diversi purché abbinati tra loro in gradazione di colore. Anche la colazione della domenica può essere un bel momento per scandire i giorni della settimana tra le mura domestiche: tovagliette all’americana e stoviglie colorate daranno subito allegria. Usate anche dei cestini di vimini per il pane e per la frutta fresca e sarà quasi un pic-nic! Per la cena, soprattutto di coppia, non dimenticate di apparecchiare come foste al ristorante: la cura della posizione delle posate, un fiore reciso dal vostro balcone come centro tavola e l’immancabile lume di candela creeranno comunque un’atmosfera sofisticata e romantica”.

Balcone o terrazzo, ambienti speciali (6)

Mai come in questo periodo avere un balcone o un terrazzo è una grande fortuna. Renderlo accogliente è la prima regola. 

“Partiamo da una buona pulizia e magari da una rinfrescata alle pitturazioni – spiega Andrea – facendo ovviamente attenzione alle colorazioni del condominio! Chi ha una pavimentazione in legno, la nutra e la protegga con un olio impregnante. Pochi arredi possono fare una grande differenza, naturalmente a seconda delle dimensioni dello spazio a disposizione: dal semplice tavolino con delle sedie, al divanetto, sino al lettino per prendere il sole… Anche gli arredi vanno protetti e curati: se non ne avete, provate a spostare un pouf e un coffe table di casa per ricreare un angolo all’esterno per qualche ora. Infine, non si può non pensare al verde e ai fiori: qualche pianta in vasi colorati ci restituisce subito un’atmosfera allegra, di cui tutti abbiamo, mai come ora, bisogno!”

 

 

Infine... Se si è stanchi di vedere sempre lo stesso scenario, cambiare la disposizione degli oggetti o di alcuni mobili è il modo più semplice per dare alla propria casa un aspetto diverso. 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente ci siamo! L'agognata libertà (ma sempre con il rispetto delle dovute regole di distanziamento sociale) è arrivata! (1 - 2 - 3)Un periodo buio, inaspettato, sofferto e sopratutto di grandi cambiamenti per cui molte porte si apriranno e altre si chiuderanno per sempre. Ci guardiamo indietro e ci sembra di aver attraversato un sogno con i contorni quasi di un incubo dove alcuni di noi, da ora in poi, rimetteranno in discussione la propria vita e se stessi.Ecco... ora è lecito chiedersi cosa ci rimane del lungo...