11mag 2020
Firenze - Uffizi: i gioielli nei dipinti nella nuova mostra digitale

Continuano le iniziative virtuali della Galleria degli Uffizi di Firenze. Al centro, questa volta, il mondo dei preziosi e i misteri delle gemme dipinte nei capolavori del museo (1 - 2). E', infatti, possibile ammirare proprio nei numerosi dipinti, gioielli (gli oggetti preziosi di vere gemme e metalli sono custoditi nelle sale del Tesoro dei Granduchi, in Palazzo Pitti) che raccontano di mode passate (3 - 4), rivelano il gusto di un’epoca, spesso costituiscono la memoria di oggetti perduti e, allo stesso tempo, aiutano a comprendere meglio il significato di un’opera o ad identificare un personaggio che vi è ritratto. Che siano descritti con maniacale perfezionismo o resi sommariamente con sintetica eleganza, essi sono sempre ricchi di significato, diventando una chiave supplementare per decifrare l’iconografia di un quadro. Grazie a testi antichi, noti come “lapidari”, è oggi possibile decifrare il linguaggio misterioso delle gemme e, interpretando le forme degli ornamenti stessi e i luoghi del corpo ove sono indossati, scoprire significati di volta in volta diversi. Così, i monili raffigurati nei dipinti (5) non restano quasi mai meri dettagli decorativi, ma elementi parlanti di un rebus, indizi, o tracce rivelatorie della cultura dell’artista.

Tutto questo per immagini sul sito delle Gallerie QUI: un percorso che dal XV secolo arriva agli inizi del XVI, mostrando riproduzioni ad alta definizione di capolavori che vanno dall’Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano al Ritratto di Richard Southwell di Hans Holbein, attraverso 26 tappe costituite da opere famosissime, veri e propri pilastri della storia dell’arte, esposte al secondo piano delle Gallerie. L’inedito taglio proposto permette di scoprire ambizioni e valori dei grandi protagonisti dei ritratti, noti e ignoti, di intravederne paure e desideri, ma anche di comprendere meglio le raffigurazioni sacre attraverso il linguaggio delle gemme e la forma dei gioielli restituendo agli artisti inaspettate competenze nell’oreficeria e nella gemmologia. I diamanti sono davvero i migliori amici delle ragazze? Forse non solo in senso frivolo, se si guarda al ritratto di Elisabetta Gonzaga di Raffaello e alla pietra che le brilla in fronte, segno della forza del suo intelletto: anche in questo caso l’Urbinate mostra allo stesso tempo eloquenza psicologica e profonda cultura di oreficeria. E lo stesso può essere detto per tutti gli altri artisti che compaiono in questa luccicante carrellata.

“Sono trascorsi due mesi esatti, a partire dall’inizio della chiusura dei musei. In questo tempo le ipervisioni degli Uffizi – le mostre tematiche visitabili sul nostro sito ufficiale, www.uffizi.it – hanno raggiunto il record di 3,7 milioni di visualizzazioni: una crescita del 3.500% rispetto al periodo precedente – spiega il direttore delle Gallerie, Eike Schmidt - E l’ interesse per le ipervisioni sta continuando a crescere: merito degli argomenti trattati, così rilevanti per l’attualità. Con la mostra virtuale sui gioielli nei dipinti, curata da una specialista di vaglia e conoscitrice dell’ambito come Silvia Malaguzzi, si può affermare che la collana della nostra offerta gratuita si arricchisce di un’altra perla preziosa”. 

 

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente ci siamo! L'agognata libertà (ma sempre con il rispetto delle dovute regole di distanziamento sociale) è arrivata! (1 - 2 - 3)Un periodo buio, inaspettato, sofferto e sopratutto di grandi cambiamenti per cui molte porte si apriranno e altre si chiuderanno per sempre. Ci guardiamo indietro e ci sembra di aver attraversato un sogno con i contorni quasi di un incubo dove alcuni di noi, da ora in poi, rimetteranno in discussione la propria vita e se stessi.Ecco... ora è lecito chiedersi cosa ci rimane del lungo...