28set 2020
Firenze - Turismo congressuale al centro di un nuovo rilancio
Lo studio di Firenze Convention Bureau

In un anno che ha subito e continua a subire stravolgimenti e aggiornamenti secondo gli andamenti del virus, si è tenuta a Firenze alcuni giorni fa un conferenza sul tema chiave del turismo congressuale, ora fermo per ovvi motivi, ma in fase di nuovo rilancio (1 - 2). 

La città del Giglio, quindi, al centro di un rinnovato boost per ritrovare quell'attrattiva e forza del settore che solo nel nel 2019 ha ospitato quasi 15mila eventi, per un totale di 1,5 milioni di presenze. Il comparto congressuale internazionale contraddistinto da una più elevata spesa media dei viaggiatori (670 euro al giorno), grazie anche alla preziosa complicità del Comune si pone, quindi, come una delle leve tra le più significative per una ripartenza in piena regola. Ma in che modo? Proprio in occasione della recente preview stampa, Firenze Convention Bureau, ha presentato "Florence Re:Start" (3), il nuovo studio dedicato al turismo congressuale nella città del giglio, analizzandone punti di forza e di debolezza nonché un piano strategico messo in atto con il supporto di partner pubblici e privati (4 - 5 - 6). 

Nell'analisi, realizzata grazie al contributo della Camera di Commercio in partnership con il Comune di Firenze con il supporto dell'agenzia di consulenza Gaining EDGE e condotto da Firenze Convention Bureau per identificare il posizionamento competitivo della città come destinazione congressuale sul mercato europeo, Firenze è fra le prime 40 città congressuali in Europa e si classifica al quarto posto nella sua categoria che comprende città come Ginevra, Glasgow, Lione, Valencia, Goteborg, Amburgo, Rotterdam. Sono undici i fattori chiave che compongono il Convention Destination Competitive Index di Gaining EDGE: capacità delle strutture convegnistiche, offerta ricettiva, accessibilità per via aerea, attrattività della destinazione, pubblico del mercato associativo, costi, logistica, dimensione del mercato, dimensione economica, ecosistema d’impresa, stabilità sociale. I punti di forza di Firenze sono l’attrattività della destinazione e l’ampia offerta ricettiva, che superano il punteggio medio rispettivamente del 49% e del 43%.

Per accrescere la competitività di Firenze come destinazione congressuale, fondamentale l’acquisizione di congressi associativi internazionali dal 2023 in poi. In base ai risultati ottenuti dallo studio del Competitive Index, si stanno affinando i criteri per sviluppare le candidature che meglio si adattano alla destinazione. "Stiamo lavorando su trenta candidature in via prioritaria nell’immediato futuro, per stimolare l’arrivo di nuovi congressi internazionali nei prossimi 3-5 anni", ha spiegato Carlotta Ferrari, direttrice del Firenze Convention Bureau, sottolineando che i congressi a cui si punta "sono eventi che implicano un forte coinvolgimento del mondo accademico e ospedaliero locale, per cui Firenze ha tutte le carte in regola per acquisirli. Il ruolo del Convention Bureau è fondamentale, perché è l'unico soggetto in grado di aggregare e coordinare l’offerta, farla dialogare con le istituzioni, interloquire con le grandi associazioni internazionali promotrici di congressi".

Fra le azioni che il Convention Bureau vuole portare avanti, c'è un potenziamento della promozione di Firenze come destinazione privilegiata per congressi scientifici, valorizzando il tessuto della ricerca. Ma nel piano strategico c'è anche una parte dedicata agli incentivi per l'acquisizione di congressi: i vari componenti della filiera, in modo particolare gli alberghi, metteranno a disposizione tariffe e servizi competitivi dedicati a questo segmento di mercato, da prezzi vantaggiosi per i pernottamenti a tariffe scontate su voli e treni, fino a servizi aggiuntivi all'interno del polo di Firenze Fiera.

“Il settore delle fiere e dei congressi è stato uno dei più colpiti dalla pandemia - dichiara Cecilia Del Re, assessora al Turismo del Comune di Firenze -  colpendo così duramente anche un settore strategico per l’economia della nostra città. Con lungimiranza, il Comune di Firenze ha stretto un anno e mezzo fa un accordo con Firenze Convention Bureau per poggiarsi sulle loro competenze e partecipare a bandi per fiere e congressi da portare sul nostro territorio, dando a questo consorzio di imprese un contributo annuo da investire per incrementare il numero di fiere e congressi a Firenze. Il loro lavoro è andato avanti anche in questi mesi nell’ottica di far ripartire il settore congressuale e continuare a posizionare Firenze come uno dei luoghi più ambiti a livello nazionale e internazionale quale luogo di incontro e di scambio di saperi o nuove tecniche e produzioni. Come Comune, insieme agli altri soci della Fiera, stiamo seguendo lo sviluppo dei lavori per il polo fieristico, che crediamo essere il vero motore di ripartenza per un turismo di qualità nella nostra città, grazie anche alla sua collocazione strategica in città e nel nostro paese. Grazie, dunque, al nuovo presidente Federico Barraco e a tutto il team del Convention Bureau per essere attivamente al fianco del Comune in questa importante azione di rilancio della destinazione Firenze”

“Anche in questo periodo difficile - ha detto Leonardo Bassilichi, presidente Firenze Fiera Congress & Exhibition Center -  Firenze Fiera non si è mai fermata, dando tutta l'assistenza possibile ai propri clienti e certamente non si fermerà nei prossimi mesi. Lo studio presentato oggi dimostra che uno dei nostri punti di debolezza è la sede congressuale che ha la necessità di essere rinnovata. Ma siamo nella direzione giusta: gli investimenti sono stati programmati e alcuni realizzati proprio durante il lockdown, come il restyling del padiglione delle Nazioni, le risorse stanziate e i progetti approvati, dunque siamo determinati ad andare avanti su questa strada". 

1

2

3

4

5

6

Photo Credits

Photo 1 : gianfranco gori
Photo 3 : gianfranco gori
Photo 4 : gianfranco gori
Photo 5 : gianfranco gori
Photo 6 : gianfranco gori

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Eccoci scivolati anche un pò bruscamente nel fresco autunnale (1), quello che "chiama" il tepore di indumenti più pesanti o il fuoco acceso di un camino. Ritornano riti domestici come il cambio di stagione del guardaroba o la messa a dimora delle piante "non rustiche".  E poi c'è il food che come ogni fase dell'anno si veste di connotati diversi: l'uva sale alla ribalta, insieme al delizioso caco. E che dire dei funghi? Dai finferli, agli ovoli, ai porcini (2). Le castagne e le zucche per vellutate saporite e corroboranti (3). Se siete dei cultori dell'insalata, eb...