31ago 2020
Firenze - Focus scuola: - 14
L'impegno del Comune per una ripartenza ad hoc

"Il Paese ha saputo gestire bene l'emergenza sanitaria, ora è il momento di dimostrare la stessa efficienza anche nella scuola" - così ha esordito il Sindaco di Firenze Dario Nardella all'incontro con la stampa a tema "Il punto in vista del nuovo anno scolastico" (1 - 2 - 3). Emblematico inoltre il suo appello a studenti e insegnanti (4) affinché possano collaborare perché la scuola riapra bene e in protezione. "La scuola è una realtà viva, un patrimonio umano e i nostri studenti o insegnanti non possono essere concepiti come meri destinatari di ordinanze e linee guida ma come i veri protagonisti". 

Ritornando all'attività immane del Comune per l'adeguamento Covid-19, tra abbattimenti dei muri, impiantistica, ampliamento dei locali etc. lo sforzo è stato certamente straordinario. A ribadirlo oltre al Sindaco anche l'Assessore all'educazione Sara Funaro (5) che ha precisato il prezioso lavoro di squadra con i quartieri, i dirigenti scolastici regionali e le istituzioni esterne come il Teatro della Pergola. Tutto questo per poter, in primis, mantenere insieme il gruppo classe e favorire spazi capaci di garantire il "tempo scuola", fondamentale per gli alunni ma anche per i genitori che lavorano quotidianamente. Circa 3 i milioni di euro investiti per far ripartire nidi, scuole di infanzia, primarie e secondarie di 1° grado: 38 sono state le scuole realmente interessate all'adeguamento Covid-19 (le altre 44 erano già in una situazione pressoché ottimale), 153 le aule sottoposte a interventi di messa a norma e 819 i nuovi banchi e sedie. Va sottolineato a tal proposito che il Comune di Firenze non è da ieri che si impegna in edilizia scolastica spendendo, ogni anno, più di 15 milioni di euro per conformare le strutture e renderle più performanti. Una base solida che ha permesso una facile e veloce organizzazione delle aree dedicate nel periodo dell'emergenza.

Appuntamento al 14 settembre, dunque (Asili nido il 7 settembre)...

Tutto è pronto per un ritorno tra i banchi nella città del Giglio in totale sicurezza e nel pieno rispetto delle linee guida stabilite.

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Che settembre strano, quante volte ve lo siete detti? Il mantra di tutti (credo) è e continua ad essere la parola "ripresa", la tanto citata ripartenza a cui ognuno di noi crede in modo diverso. Di certo c'è l'incerto, per usare un ossimoro. Sono tante le domande ancora senza risposta. Covid questo sconosciuto, come evolverà? Come sarà la scuola? E la "lotta alle classi pollaio"? Il sistema Paese riuscirà a reggere il collasso economico in atto? Come riprenderanno i grandi eventi tipo il Salone del Mobile o