20ott 2019
Firenze - Florence Biennale Art + Design
Incontro con alcuni artisti in mostra

La città del Giglio si riscopre di nuovo "contemporanea" con la XII edizione della Florence Biennale (1), manifestazione ad ampio respiro che per ben 10 giorni mette in scena oltre 450 artisti da tutto il mondo. Un appuntamento cosmopolita, di grande valore creativo che nel Padiglione Spadolini della Fortezza da Basso, fino a domenica 27 ottobre, permetterà di ammirare le opere di 747 espositori (484 artisti e 263 designers) provenienti da 78 paesi di cinque continenti.

Noi della Redazione ci siamo stati e abbiamo incontrato alcuni degli artisti presenti per meglio cogliere la filosofia e lo spirito narrativo che alberga dietro ogni piccolo/grande capolavoro in mostra.

Tra le numerose pittrici in rosa, una nota di merito al lavoro della sud coreana Dami Kim. Londinese di adozione, le sue creazioni rivelano un racconto fresco, gioioso fatto di temi come la natura o il sociale. Le sue opere sono un trionfo di colore, di luce e di forza espressiva, da vedere in mostra nel quadro "Florist in rossio Square. Lisbon" (2 - 3).

Ancora una donna ma dall'altra parte del mondo. Stiamo parlando della pittrice danese Pia Buxbom (4). Ritorna il colore vivo, quasi abbagliante. Il messaggio, però, è più astratto, a tratti velato da un senso tragico della realtà come nel dipinto "Special price for you" dove un individuo senza volto mostra di non possedere più nulla dopo le conseguenze di un sisma.

Non solo arte pittorica però... ecco le straordinarie creazioni del pittore e maestro orafo srilankese Mueen Saheed (5 - 6: video). Una gioia per gli occhi, i suoi gioielli sono eleganti e sofisticate architetture in miniatura. Con pochi gesti un anello rinasce spilla, orecchini, ciondolo etc. Una magia da indossare, una vera opera d'arte al servizio della bellezza femminile. E, lei, Giulia Carla Cecchi (7), nome storico dell'haute couture fiorentino. Alcune sue creazioni sono a Palazzo Pitti. Alla Biennale le sue opere in mostra nell'area design "parlano". Grazie ad una particolare applicazione infatti, una volta avvicinato il cellulare a un simbolo rosso posto su ogni abito (8), i magnifici modelli si raccontano con la voce della loro creatrice, stabilendo una sorta di rapporto empatico con chi li guarda. Quasi vivessero di vita propria.

E come non citare un altro nome importante del panorama italiano? Icona del design del gioiello, Elsa Peretti legata al brand Tiffany per cui ha disegnato capolavori senza tempo, è insignita del Premio Leonardo Da Vinci alla carriera. Da ammirare il suo straordinario linguaggio creativo nel Padiglione design.

 

1

2

3

4

5

6

7

8

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Pioggia, nebbia, freddo, neve. L'inverno, finalmente (1). Almeno dal punto di vista meteorologico perché mentre vi scrivo in realtà siamo ancora nella fase di passaggio autunnale. L'inverno, ufficialmente inizia il 21 dicembre. Ma il tepore casalingo, il clima uggioso e umido, le giornate più corte e sopratutto il Natale che incalza inesorabilmente mi fa venir voglia di cotture lente come il brasato o un sugo che crogioli a lungo. E ancora polenta (2), risotto magari con zucca e castagne (3), zuppe corroboranti (4). E le verdure? In Lombardia andiamo pazzi per la verza (5). In Toscana, dov...