09ago 2019
Estate e prosecco - Le bollicine Val D'oca anche come ingredienti gourmet
Due fresche ricette stagionali

Di Prosecco (1) ne abbiamo parlato in più occasioni: l'11 dicembre 2018 QUI per esempio, raccontando il ricettario edito Nomos sui molti cocktail possibili a base di questo must di Bacco, valido in tutte le stagioni.

Oggi, vi proponiamo due abbinamenti ad hoc per la stagione calda con le etichette della Maison Val D’Oca: Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG (2) e il Prosecco “Millesimato Val D’Oca" (3).

Il primo con la Crostata alle fragole: ricavato dall’uva Glera dei colli di Valdobbiadene, diventa addirittura ingrediente stesso della torta. La frolla, infatti, si sposa perfettamente con il Valdobbiadene Prosecco nelle varianti Extra Dry, e meglio ancora, Dry.

La seconda proposta contempla, invece, un delicato Gelato al Prosecco. Firmato dallo Chef Glacier Antonio Mezzalira, incanta in qualità di “gelato frizzante”, dove il sapore dolce e avvolgente dello zucchero è temperato da quello leggermente aspro e solleticante delle bollicine. 

 

 

LE RICETTE

 

CROSTATA ALLE FRAGOLE E PROSECCO

Frolla:

300 gr di farina 00

2 uova

100 gr di zucchero

100 gr di burro

1/2 cucchiaino di essenza di vaniglia

1 pizzico di bicarbonato

 

Crema:

200 gr di fragole

50 gr di zucchero a velo

150 gr di zucchero

30 gr di maizena

250 gr di Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG – Val D’Oca suggerisce “Uvaggio Storico Val D’Oca”

150 gr di panna per dolci

10 gr di colla di pesce

 

Preparate la frolla lavorando tutti gli ingredienti in una ciotola fino a ottenere un panetto omogeneo. Coprite con pellicola e fate riposare 30 minuti in frigo. Stendete una sfoglia di 3-4 mm di spessore, poi foderate uno stampo imburrato e infarinato. Livellate i bordi e bucherellate il fondo con una forchetta, quindi procedete con la cottura in bianco: coprite con carta forno e riempite con le apposite sfere di ceramica o con legumi secchi. Cuocete per circa 12 minuti in forno ventilato preriscaldato a 180°C. Rimuovete le sferette e cuocete ancora per 5 minuti prima di sfornare. Lasciate raffreddare.

Nel frattempo lavate le fragole e tagliatele a pezzi. Serbatene un po’ per la guarnizione. Mettete la colla di pesce a bagno in acqua. Frullate le fragole con lo zucchero a velo. Unite zucchero e amido, e scioglieteli con il Prosecco, quindi cuocete a fuoco basso per qualche minuto per far addensare.

Togliete dal fuoco, aggiungete la colla di pesce dopo averla strizzata delicatamente e fatela sciogliere, quindi fate intiepidire. Montate la panna ben fredda. Incorporate delicatamente il frullato di fragole alla panna. Versate la farcia nel guscio di frolla ormai freddo, livellate bene e decorate con le fragole messe da parte. 

Lasciate riposare la crostata in frigo per almeno un paio d’ore e servire accompagnandola con il Prosecco Valdobbiadene molto fresco (idealmente a 6-7°).

 

GELATO AL PROSECCO

35 cl di acqua calda

350 gr di zucchero

50 gr di zucchero a velo

1 albume d’uovo

500 ml di Prosecco- Val D’Oca suggerisce “Millesimato Val D’Oca” 

 

Lo zucchero viene fatto sciogliere in acqua calda e si lascia raffreddare il tutto prima di aggiungervi il Prosecco. In una ciotola a parte l’albume viene montato a neve insieme allo zucchero a velo, per poi essere inglobato nel composto originario, dando vita a un irresistibile gelato al prosecco. Il segreto per una buona riuscita del dessert sta tutto nella selezione delle materie prime di prima qualità, primo fra tutti proprio il Prosecco, che può essere considerato l’ingrediente principe della ricetta.

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

In questi giorni caldi di agosto mi sono imbattuta in uno di quegli immensi Garden center che offrono soluzioni di ogni tipo per un giardinaggio prêt-à-porter. Veloce, spesso elementare: una sorta di giardinaggio "pigro" dove il nuovo giardiniere preferisce il colpo d'occhio, l'estetica, trapianti ossessivi a discapito di tempi, innesti, semina accurata, pazienza (1)...

Ma che ne è di ciò che mia madre mi ha sempre ripetuto? E cioè che mettere le mani nella terra crea una benefica dipendenza, tale da non poterne più fare a meno? (2...