19giu 2019
Emergenza plastica in mare - L’impegno di Emirates
Non più monouso e plastica sui voli

Il mare è di plastica (1). Non ci stancheremo mai come magazine fortemente vocato alla salvaguardia del pianeta a denunciare la catastrofe ambientale che ci si sta ritorcendo contro. La stessa plastica che gettiamo tra le onde, la ritroviamo nel nostro piatto con danni scontati per la salute oltre che, ovviamente, per l’ecosistema.

Ma qualcuno, per fortuna, inizia a dare segnali graduali di cambiamento. I voli a bandiera Emirates (2), per esempio, che si stanno impegnando a ridurre l’utilizzo della plastica monouso a bordo dei propri aerei. Già dal 1° giugno scorso, sono state, infatti, introdotte cannucce di carta ecologiche e presto tutti i voli Emirates saranno Plastic Free. Oltre alle cannucce di plastica, entro la fine dell'anno anche i cucchiaini da cocktails e gli stirrers verranno sostituiti con materiali ecologici. A partire da agosto, i sacchetti di plastica utilizzati per effettuare gli acquisti a bordo verranno sostituiti con buste di carta ecologiche e non inquinanti. Queste iniziative nel suo complesso rimuoveranno ogni anno circa 81,7 milioni di articoli di plastica monouso che si riverserebbero nelle discariche di tutto il mondo.  Ancora… Come parte della sua visione a lungo termine e grazie anche al suggerimento di un membro dell’equipaggio, la compagnia aerea ha disposto lo stoccaggio delle bottiglie di plastica a bordo, per poi riciclarle nella città di Dubai e nel resto del mondo. Questa strategia permette di non gettare circa 3 tonnellate o 150 mila bottiglie di plastica nella discarica di Dubai ogni mese. Le iniziative intraprese dalla compagnia aerea fanno parte di un piano a lungo termine per rendere la compagnia sostenibile. Nel 2017, Emirates ha introdotto per i passeggeri di Economy coperte ecoTHREAD ™ realizzate con bottiglie di plastica riciclata. Ogni coperta è composta da 28 bottiglie di plastica riciclate ed entro la fine di quest'anno, questa iniziativa dovrebbe generare un risparmio di 88 milioni di bottiglie di plastica.

In fondo, come dice l'autore americano di fantascienza BLAINE PARDOE: "Siamo tutti capaci di cambiare e migliorare, dobbiamo solo capire da dove cominciare”.

 

Maggiori info su:

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

In questi giorni caldi di agosto mi sono imbattuta in uno di quegli immensi Garden center che offrono soluzioni di ogni tipo per un giardinaggio prêt-à-porter. Veloce, spesso elementare: una sorta di giardinaggio "pigro" dove il nuovo giardiniere preferisce il colpo d'occhio, l'estetica, trapianti ossessivi a discapito di tempi, innesti, semina accurata, pazienza (1)...

Ma che ne è di ciò che mia madre mi ha sempre ripetuto? E cioè che mettere le mani nella terra crea una benefica dipendenza, tale da non poterne più fare a meno? (2...