14mar 2020
Cucina e dintorni ai tempi del Coronavirus
5 domande smart alla foodblogger Chiara Brandi

Influencer, imprenditrice e creatrice del progetto Genuino.Zero (di cui abbiamo già parlato il 20 settembre 2019 QUI), marketing manager, mamma... questo è anche di più è Chiara Brandi (1 - Prima da Sx), alias Forchettinagiramondo, grande appassionata del magico mondo del food. Sopratutto di paesi lontani. L'abbiamo raggiunta in FB e anche a lei abbiamo chiesto di raccontarci in breve la sua quotidianità in cucina e non, ai tempi del virus...

 

1. Quale l’ambiente di casa che stai vivendo di più in questo particolare momento di “reclusione” protettiva?

Ora in casa siamo in tre: io, mio marito e mio figlio. Ci siamo organizzati per avere una mezza giornata a testa di tranquillità: per lavorare, infatti, l'unica stanza fruibile è la cameretta di mio figlio Alberto; il resto del tempo lo dividiamo tra sala e cucina e tra compiti, qualche gioco, un solo TG al giorno per non deprimerci troppo. 

 

2. Cosa c’è nel tuo frigorifero ora e cosa ti manca in particolare?

Io sono fortunata perché gestendo Genuino.Zero gli approvvigionamenti di base li faccio e li continuo a fare lì. Al momento non ci manca nulla di alimenti fondamentali. Questa mattina, però, ho integrato ciò che ancora mi mancava con una spesa online sul sito di Probios, azienda toscana biologica che garantisce senza problemi la delivery a casa. Per ora siamo a posto.

 

3. Il tuo piatto confortante, la tua coccola in tempo di crisi?

Avendo tempo, cucino più del solito: ieri ho preparato il minestrone con le verdure dell'orto ed il coniglio in umido alle olive. Questa sera cucinerò un ortaggio che amo molto, gli spinaci.

 

4. C’è qualche cibo “fondamentale” che ti diletti a preparare avendo tempo a disposizione (pasta, pane, biscotti etc…)?

Vorrei dedicarmi alla preparazione della pasta che non normalmente non faccio per mancanza di tempo. E i dolci da godere la mattina per iniziare bene la giornata in questo momento "critico".

 

5. Il primo posto dove andrai a mangiare/bere quando l’emergenza sarà finita?

Pensandoci... credo un panino al Lampredotto o una pizza gourmet! 

 

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente ci siamo! L'agognata libertà (ma sempre con il rispetto delle dovute regole di distanziamento sociale) è arrivata! (1 - 2 - 3)Un periodo buio, inaspettato, sofferto e sopratutto di grandi cambiamenti per cui molte porte si apriranno e altre si chiuderanno per sempre. Ci guardiamo indietro e ci sembra di aver attraversato un sogno con i contorni quasi di un incubo dove alcuni di noi, da ora in poi, rimetteranno in discussione la propria vita e se stessi.Ecco... ora è lecito chiedersi cosa ci rimane del lungo...