05nov 2018
Costruire casa: idee e consigli per un'architettura moderna
Rendimento e fascino del frassino termicamente modificato

I lavori di questo gioiellino architettonico di committenza privata, iniziarono 3 anni fa. Sobria, moderna ed efficiente dal punto di vista energetico, firmata dallo studio di design di Indianapolis HAUS, Copperwood house, questo il nome dell'abitazione (1), nasce dal sogno di una famiglia americana formata da quattro persone, desiderosa di vivere a contatto stretto con la natura.

Ecco quindi, su suggestione dell'atelier di progettazione dell'Indiana, la scelta del frassino americano termicamente modificato per le pareti esterne della casa (2). Che il proprietario ha deciso di non proteggere con oli o vernici affinché, nel tempo, potesse "cambiar pelle" e trasformarsi in un grigio più scuro. Interessante l'idea di collocare nel muro un sistema parapioggia - forte di una soluzione di clip/guarnizione - per permettere all'acqua di defluire dalla cavità del muro stesso. "Ci è piaciuto l'aspetto dei campioni di frassino trattato termicamente rispetto a quello degli altri legni. Il grano e il colore sono stati i fattori principali: il frassino aveva una grana più visibile, mentre alcune delle altre specie avevano una grana meno pronunciata" - ha dichiarato Christopher Short, direttore di HAUS.
I materiali esterni proseguono anche all'interno sia nel rivestimento delle pareti della camera da letto, sia in quello delle scale e, sebbene l'interno viri leggermente a un tono più chiaro, rimane fedele al colore di base originale del legno in parete.
L'opzione del frassino americano sta prendendo sempre più piede anche in Europa. Un materiale sostenibile, senza finiture, affascinate, che invecchia bene. Inoltre, è ideale per la curvatura e la tornitura, vantando matericità, carattere e colore distintivi
Spostandoci all'interno della dimora, protagonista la luce naturale, soprattutto negli spazi abitativi e nelle camere da letto principali posti a piano terra (3 - 4). Al livello inferiore la luce è comunque di buona qualità, sfruttando, tra l'altro, una parziale uscita verso sud (5 - 6). Il desiderio di implementare l'illuminazione in generale ha portato alla creazione di un giardino a nord, sul lato di ingresso della casa. Optando poi per l'idea del ponte coperto.


HAUS ha anche sostenuto il ruolo di construction manager del progetto tramite una società consociata (WERK | Building Modern), guidando l'intero team, incluso il proprietario, che ha collaborato a progettazione / coordinamento / supervisione delle finiture interne.
Il progetto è stato sostanzialmente completato a fine settembre 2016.

Maggiori info sul frassino americano:

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Che settembre strano, quante volte ve lo siete detti? Il mantra di tutti (credo) è e continua ad essere la parola "ripresa", la tanto citata ripartenza a cui ognuno di noi crede in modo diverso. Di certo c'è l'incerto, per usare un ossimoro. Sono tante le domande ancora senza risposta. Covid questo sconosciuto, come evolverà? Come sarà la scuola? E la "lotta alle classi pollaio"? Il sistema Paese riuscirà a reggere il collasso economico in atto? Come riprenderanno i grandi eventi tipo il Salone del Mobile o