13mag 2020
Coronavirus - Viaggiare stando a casa
L'arte immersiva di Francesca Sacco

Viaggiare stando seduti. E non si tratta di digitale. Sì perché è la fantasia che, per una volta, ci accompagna per mano ad esplorare Paesi, territori e palazzi lontani... L'idea, o meglio ancora, il talento è della collage artist genovese Francesca Sacco, classe 1984, che con la tecnica del "taglia e incolla" fotografico ricrea paesaggi e città del mondo (1 - 2).

Il risultato? Una suggestiva esperienza immersiva dove le regole della prospettiva e dell'architettura sono interpretate in una luce diversa e le città parlano un linguaggio tra l'immediato e l'onirico.

Le sue opere sono un'esplosione di elementi architettonici come colonne, balconi, archi, finestre, portoni, cornicioni e tetti che trovano un nuovo spazio nella narrazione, avvicinando antico e moderno, lusso e miseria... E ancora, lo zingaro che suona, il “gatto innamorato che randagio se ne va”, le insegne senza tempo dei negozi e delle botteghe dei centri storici, i panni stesi. La frammentazione della vita quotidiana, con i suoi suoni, i suoi odori, i suoi colori disordinati... questo si respira, si capta, nei quadri vivi e pulsanti, tra il surreale e l'istantaneo, di Francesca (3).

Sembra di sentirlo quel tango nel Boca di Buenos Aires (4)...

E ora che la vita ci ha stravolto le regole e il viaggio è fermo, perché non evadere "per immagini" (5) alla scoperta di ciò che ancora non conosciamo o che abbiamo dimenticato?

Se l'idea di "partire" vi stuzzica, andate in avanscoperta sulla sua pagina web, il coup de foudre è garantito.

 

Buon viaggio!

 

Maggiori info:

 

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente ci siamo! L'agognata libertà (ma sempre con il rispetto delle dovute regole di distanziamento sociale) è arrivata! (1 - 2 - 3)Un periodo buio, inaspettato, sofferto e sopratutto di grandi cambiamenti per cui molte porte si apriranno e altre si chiuderanno per sempre. Ci guardiamo indietro e ci sembra di aver attraversato un sogno con i contorni quasi di un incubo dove alcuni di noi, da ora in poi, rimetteranno in discussione la propria vita e se stessi.Ecco... ora è lecito chiedersi cosa ci rimane del lungo...