04mag 2019
Conegliano Valdobbiadene: Philippe Daverio e Gian Mario Villalta
Venerdì 17 maggio, il racconto delle magnifiche colline venete

Il volto televisivo Philippe Daverio e lo scrittore e poeta Gian Mario Villalta presto protagonisti dell’incontro “Il racconto del paesaggio del Conegliano Valdobbiadene” che andrà in scena venerdì 17 maggio alle ore 18 negli spazi dell’Ex Convento di San Francesco a Conegliano (1 - 2 - 3). L’evento si inserisce nel programma delle celebrazioni del cinquantesimo anniversario della Denominazione, il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG, riportando l’attenzione sulla passione del lavoro in vigna che trae naturalmente ispirazione dalla bellezza delle colline venete, nello specifico dal territorio del comprensorio di Conegliano Valdobbiadene, diventandone lei stessa fautrice. “L’impegno del Consorzio in favore dell’arte trova maggior vigore nell’anno in cui celebriamo i Cinquant’anni della Denominazione” - dichiara Innocente Nardi Presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG - “Le colline del Conegliano Valdobbiadene da secoli sono fonte di ispirazione artistica, non solo nell’ambito delle arti figurative ma anche in ambito letterario. L’intento della serata è far emergere, grazie al dialogo tra Philippe Daverio e Gian Mario Villalta, il valore culturale, umano ed economico che ancora oggi questo paesaggio è in grado di rappresentare in qualità di teatro quotidiano della vita locale. Il paesaggio in cui viviamo, e la cui bellezza contribuiamo a conservare con il nostro lavoro di viticoltori, è uno dei nostri valori più preziosi. La Candidatura Unesco è un’ulteriore testimonianza di questo valore.”

L’incontro è introdotto da Innocente Nardi, Presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore e da Emanuela Bassetti, Presidente e amministratore delegato di Civita Tre Venezie.

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

In questi giorni caldi di agosto mi sono imbattuta in uno di quegli immensi Garden center che offrono soluzioni di ogni tipo per un giardinaggio prêt-à-porter. Veloce, spesso elementare: una sorta di giardinaggio "pigro" dove il nuovo giardiniere preferisce il colpo d'occhio, l'estetica, trapianti ossessivi a discapito di tempi, innesti, semina accurata, pazienza (1)...

Ma che ne è di ciò che mia madre mi ha sempre ripetuto? E cioè che mettere le mani nella terra crea una benefica dipendenza, tale da non poterne più fare a meno? (2...