16lug 2019
Bologna - A FICO Eataly World il sindaco cinese Luo Qiang
Dal 27 luglio 80 sculture luminose in suo onore

Ieri a Bologna Italia e Cina si sono incontrate a FICO Eataly World (1). Luo Qiang, infatti, il sindaco di Chengdu, capoluogo della Provincia del Sichuan, situata nel sud-ovest della Cina al confine col Tibet, ha incontrato, in una cerimonia istituzionale il sindaco Merola, visitando anche il Parco del cibo più grande del mondo (2). Ad accoglierlo c’erano l’amministratore delegato del Parco, Tiziana Primori, insieme al presidente e al segretario generale di Fondazione FICO, Andrea Segré e Alessandro Bonfiglioli, alla vice sindaco del Comune di Bologna Marilena Pillati, il presidente di OpenGate China Marco Toson, il direttore Business Aviation dell’Aeroporto di Bologna Antonello Bonolis e la presidente del Centergross, Lucia Gazzotti.

La visita a Bologna di Luo Quiang appare importante anche alla luce della firma del Memorandum d’Intesa tra Italia e Cina sulla nuova Via della Seta, nel quale uno dei punti di collaborazione riguarda la connessione tra i due popoli italiano e cinese (3), la valorizzazione dei rispettivi siti Unesco e la collaborazione sulla cultura, l’istruzione, l’innovazione, la salute e il turismo

Per l’occasione, in onore della delegazione cinese FICO Eataly World ha organizzato una anteprima del Festival delle Lanterne (4), che aprirà ufficialmente al pubblico sabato 27 luglio nel Parco, con centinaia di sculture luminose che guideranno il visitatore in una città di luci dalle proporzioni gigantesche. Dopo aver sedotto 250.000 visitatori in Francia, il Festival delle Lanterne, il più grande evento sulla cultura cinese mai realizzato in Italia, sarà per la prima volta in Italia, a FICO Eataly World: il Parco si illuminerà grazie a queste sculture monumentali che faranno immergere i visitatori nell’atmosfera della città imperiale della Via della Seta.

Bologna diventerà la capitale delle lanterne cinesi, con centinaia di sculture luminose realizzate e decorate a mano da artisti e artigiani giunti dalla Cina a Bologna per creare una città di luci che per tutta l’estate illuminerà FICO Eataly World, il più grande parco agroalimentare del mondo. Le lanterne saranno decorate a mano fino al 27 luglio, data di inaugurazione del Festival. Il Festival delle Lanterne affonda le sue radici in una tradizione millenaria, nata nella provincia di Sichuan durante la dinastia Tang (618-907 d.C.), dove si è diffusa nei secoli l’arte della costruzione di grandi lanterne in carta, un’usanza oggi imitata e replicata in tutta la Cina. La fama delle lanterne di Zigong è però unica, la bellezza delle opere e l’abilità degli artigiani locali cresce a tal punto da farle guadagnare un prestigioso epiteto: “ Lantern Town in the South Kingdom". Ci sarà anche il “parco dei Dinosauri”. Infatti, alla fine degli anni ‘80, nel sito di Dashanpu, situato a 7 km da Zigong, fu realizzato un ritrovamento eccezionale: migliaia di ossa, fossili e resti di dinosauri. Da “Città delle Lanterne” Zigong divenne anche La Mecca di paleontologi e biologi di tutto il mondo.  Per questo motivo gli artisti della città hanno deciso di omaggiare i dinosauri di Zigong dedicandogli la realizzazione di imponenti lanterne, uno spettacolo che ogni anno fa sognare migliaia di bambini.

 

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

In questi giorni caldi di agosto mi sono imbattuta in uno di quegli immensi Garden center che offrono soluzioni di ogni tipo per un giardinaggio prêt-à-porter. Veloce, spesso elementare: una sorta di giardinaggio "pigro" dove il nuovo giardiniere preferisce il colpo d'occhio, l'estetica, trapianti ossessivi a discapito di tempi, innesti, semina accurata, pazienza (1)...

Ma che ne è di ciò che mia madre mi ha sempre ripetuto? E cioè che mettere le mani nella terra crea una benefica dipendenza, tale da non poterne più fare a meno? (2...