01ago 2019
“Blushing Bar”: Il banco bar che emoziona
In quercia rossa americana vanta una nuova tecnica per tingere il legno

Ecco un oggetto tanto originale, quanto utile e sopratutto di grande appeal: “Blushing Bar”. Figlio del duo marito e moglie Chan+Ears entrambi architetti insieme a Sebastian Cox designer di mobili con AHEC - American Hardwood Export Council - hanno ideato un banco bar che fa battere il cuore (1), come succede quando la circolazione sanguigna del corpo è in preda a una qual si voglia emozione. Sì, perché questo magnifico complemento d'arredo per la preparazione di cocktail composto da ben 10 moduli (acqua, alcohol, frutta, erbe, holder, ghiaccio, bicchieri, soda, lavandino), è interamente in quercia rossa americana (2). Una tonalità rosea (3) simile al colore dell’incarnato dove vere e proprie “vene di legno” ricordano il nostro sistema sanguigno quando pompa più sangue. Ma come è stato possibile tutto ciò? Per tingere il legno, Sebastian Cox con il suo team, ha creato una serie di buchi uniformi nella fitta rete di venature della quercia rossa (4), circa 25 mm di profondità e 14 mm x 30 mm di larghezza. Il legno è stato poi inserito in un macchinario appositamente creato per la tintura. I buchi nella fitta rete di venatura sono stati riempiti di inchiostro calligrafico rosso. “Riempire la serie di fori ha assicurato una distribuzione uniforme dell’inchiostro lungo tutta la superficie della quercia rossa. L’uso in particolare dell’inchiostro calligrafico ci ha permesso di ottenere un colore davvero intenso” - dice Cox.

“Come studio di design, tendiamo a lavorare con il colori naturali del legno, ma è stato meravigliosamente liberatorio usare un colore vivido, soprattutto per il fatto che lo abbiamo utilizzato per esaltare la struttuta del legno, fiduciosi di incoraggiare le persone a pensare in modo diverso a questo materiale così familiare. Inoltre, crediamo davvero fortemente che si dovrebbe usare ciò che la natura offre, e la quercia rossa è una delle specie più abbondanti nelle foreste di latifoglia americane e soffre di un’ingiusta mancanza di popolarità in Europa. Siamo stati davvero felici di creare qualcosa che permetterà alle persone di meditare su materiali meno apprezzati ma incredibilmente utili, come la quercia rossa, in un modo nuovo.”

David Venables, European Director of AHEC, inizialmente titubante all’idea di ”fare la quercia rossa ancor più rossa”, si è poi lasciato conquistare dalla creatività e dalla bellezza dell'effetto. ”Considerando che uno dei motivi spesso addotti per non usare la quercia rossa è il suo colore (in riferimento al fatto che è generalmente più caldo di tono rispetto alla quercia bianca degli Stati Uniti e dell'Europa), usare l’inchiostro rosso potrebbe essere visto come un approccio provocatorio. Ma questo è ciò che i nostri creativi fanno meglio: sfidano il pensiero convenzionale, stimolano il dibattito e, soprattutto, ispirano. Raggiungere un effetto estetico così intenso ed entusiasmante utilizzando esclusivamente la struttura cellulare della quercia rossa, è stato un’intuizione brillante che dimostra come una migliore comprensione del materiale possa dare nuove informazioni nel processo di progettazione."

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Pioggia, nebbia, freddo, neve. L'inverno, finalmente (1). Almeno dal punto di vista meteorologico perché mentre vi scrivo in realtà siamo ancora nella fase di passaggio autunnale. L'inverno, ufficialmente inizia il 21 dicembre. Ma il tepore casalingo, il clima uggioso e umido, le giornate più corte e sopratutto il Natale che incalza inesorabilmente mi fa venir voglia di cotture lente come il brasato o un sugo che crogioli a lungo. E ancora polenta (2), risotto magari con zucca e castagne (3), zuppe corroboranti (4). E le verdure? In Lombardia andiamo pazzi per la verza (5). In Toscana, dov...