29set 2020
Autunno, voglia di cambiamento a tavola
Nel rispetto di ciò che mangiamo

Eccoci scivolati anche un pò bruscamente nel fresco autunnale (1), quello che "chiama" il tepore di indumenti più pesanti o il fuoco acceso di un camino. Ritornano riti domestici come il cambio di stagione del guardaroba o la messa a dimora delle piante "non rustiche". 

E poi c'è il food che come ogni fase dell'anno si veste di connotati diversi: l'uva sale alla ribalta, insieme al delizioso caco. E che dire dei funghi? Dai finferli, agli ovoli, ai porcini (2). Le castagne e le zucche per vellutate saporite e corroboranti (3). Se siete dei cultori dell'insalata, ebbene, non abbandonate questa sana abitudine solo perché si entra nel periodo più freddo. Cambiate gli ingredienti e con arance, finocchi, olive taggiasche e qualche fettina di cipolla di Tropea, la vostro salad bowl di stagione è garantita!

 

Al via al turn over dei componenti del piatto, quindi, ma l'atteggiamento?

Parola d'ordine ethic food (4). Sempre e comunque.

 

I 4 comandamenti dell'individuo intelligente e consapevole a tavola.

Non sprecare.

Onorare la natura.

Salvaguardare le stagioni.

Amare l'ambiente. 

 

Avete mai pensato a cosa c'è dietro a un piatto di lasagne

Il mugnaio per la farina, il contadino per il pomodoro, l'allevatore per la carne (5), per citarne solo alcuni. Tanti mestieri, fatica e dedizione...

Difficile non rispettare ciò che mangiamo, no?

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Che colore sei? Anche se l'autunno vira su cromie come il marrone, l'arancione o il verde scuro, la Redazione ha votato all'unanimità per il rosa (1). Sì, proprio lui, emblema del romanticismo, della dolcezza, della femminilità, dello slow living. Ma il rosa è anche la tinta principe di quel nettare di Bacco particolarmente glamour e amato (non solo dalle donne) per il suo coté spesso fresco e fruttato, perfetto per accompagnare pietanze light come il pesce o come aperitiv...