30gen 2020
Arezzo musica - Tango e violino
Le suggestive sonorità di Alessandro Quarta

E tango sia. Le note di questo ballo tanto struggente quanto affascinante si fondono alle sonorità del jazz. Complice straordinario il violino di Alessandro Quarta. Tutto questo sabato 1 febbraio alle ore 21 sul palcoscenico del Teatro Petrarca di Arezzo, in occasione di “Arezzo Classica”, la rassegna voluta da Comune toscano, Fondazione Guido d’Arezzo e realizzata con CaMu - Casa della Musica di Arezzo. Il violinista conduce alla scoperta delle composizioni di Astor Piazzolla, in un progetto dove Quarta ha rivisitato e arrangiato alcuni tra i brani più emblematici del grande riformatore del tango argentino e che ritroviamo in un suo recente album “Alessandro Quarta plays Astor Piazzolla”. Sul palco con Alessandro Quarta (violino) ci saranno Giuseppe Magagnino (pianoforte), Cristian Martina (batteria), Michele Colaci (contrabbasso) e Franco Chirivì (chitarra). 

Violinista, polistrumentista e compositore, Alessandro è cresciuto con i più grandi direttori al mondo ricoprendo ruoli come violino di spalla di fronte a nomi come L. Maazel, E. Inbal, C. Dutoit, M. Rostropovich, M.W. Chung, G. Pretre, Z. Metha, effettuando tournèe in Europa, America, Cina, Giappone, Medio Oriente suonando nelle più prestigiose sale del mondo. Approda nel Parco della Musica come solista in duo con Sunhee You per il Festival Internazionale “Musica per Roma”. Acclamato dalla CNN nel 2013 come “Musical Genius” e premiato nel 2018 a Montecitorio come “Miglior Eccellenza Italiana nel Mondo” per la musica, è indimenticabile la sua apertura del concerto del Primo Maggio a Roma nel 2015 per violino solo.

 

IL PROGRAMMA DI AREZZO CLASSICA

Arezzo Classica prosegue il 28 febbraio al Teatro Petrarca (inizio ore 21.00) quando accordi classici per violoncello e pianoforte caratterizzeranno l’appuntamento che vede protagonisti Andrea Lucchesini e Giovanni Gnocchi, acclamati interpreti della scena internazionale, per un programma ancora una volta dedicato a Ludwig van Beethoven.

E sempre nel segno di Beethoven anche la chiusura di “Arezzo Classica” con il grande concerto che, il 13 marzo al Teatro Petrarca (inizio ore 21.00), l’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta dal M° Di Lorenzo dedicherà al genio tedesco, interpretando la settima sinfonia e il concerto n.4, affidato al giovane virtuoso russo Rafael Lipstein.

 

Biglietti 

Platea 15 euro

Palchi I-II-III ordine 10.00 euro

Offerta speciale studenti 

IV ordine biglietto simbolico 1 euro 

Info e vendita biglietti: Fondazione Guido d’Arezzo 0575 356203. Circuito Online: TicketOne

 

Info sulla stagione:

Telefono : 0575 356203

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

2020. Punto a capo. Si rincomincia, si svolta. Cosa ci aspettiamo? Un anno ricco di novità, di tendenze originali e inaspettate, di orizzonti tutti da scoprire, di linguaggi inediti dove la diversità sia una costante, ovunque e comunque (1). Questo è ciò che immaginiamo e che racconteremo, curiosi come sempre, variando la prospettiva in ogni momento, cercando di cogliere i germi, più o meno evidenti, del domani che verrà. E se volessimo indicare in una parola l'unico vero proposito da perseguire? No waste, due parole in realtà per non dimenticare l...