22dic 2017
Piante nocive per cani e gatti
A Natale: incantevoli decori vegetali. Ma con attenzione.

Si sa, a Natale, piace a tutti addobbare casa con le tipiche e suggestive Stelle di Natale. Pennellate di colore rosso capaci, da sole, di creare la tipica atmosfera calda delle feste. Ma… è bene ricordare che queste belle piante devono essere posizionate lontane dai nostri amici a 4 zampe (1). L’Euphorbia pulcherrima, infatti, altresì chiamata Stella di Natale (2), contiene nelle sue foglie una linfa biancastra tossica per cani e gatti, inducendo, se sbocconcellata, vere e proprie patologie come congiuntivite, vomito, dissenteria o dermatite.

Non solo stella, però… altri vegetali decorativi, protagonisti soprattutto in questo particolare periodo dell’anno, come il vischio o l’agrifoglio, rappresentano un grande pericolo per i pelosi che vivono con noi. Le bacche, in particolare, se ingerite in grande quantità, causano forti dolori addominali fino a veri e propri spasmi motori. Addirittura un animale di taglia media, può morire, se ne ha ingerite una dose elevata.

E, infine, un occhio anche a abeti e pini: i loro aghi, se ingoiati, diventano, facilmente, la causa di ostruzione gastrointestinale, anche grave.

Nella preparazione e nell’allestimento domestico per il giorno più atteso dell’anno, non dimenticate, quindi, la presenza dei quadrupedi (oltre che dei bipedi). Un piccolo gesto, un’attenzione in più per evitare  tristi e drammatiche sorprese.

Buon Natale! 

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

State leggendo queste righe? ebbene sì, l’estate sta per essere archiviata e siamo pronti a riprendere le nostre attività quotidiane. Chi, come nulla fosse, vive questo passaggio in tutta armonia e scioltezza, chi invece soffre di irritabilità, stanchezza, insonnia, in una parola è vittima della sindrome da “rientro”.
Nulla di grave certo, e neppure di irrimediabile ma una ripresa graduale può alleviare il malessere diffuso dei più sensibili. Come? A settembre, almeno fino all’equinozio d’autunno (il 22), le giornate sono ancora lunghe e tutte da inventar...

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.