02mar 2018
Animali da compagnia - Pet therapy attraverso la lettura
“Io leggo con il mio cane” - Teresa Albergo e il suo progetto pedagogico

Io leggo con il mio cane”, edito Sonda, il libro di Teresa Albergo, psicologa e specialista in Pet therapy per illustrare il Metodo LuckyLeo®, un nuovo procedimento rivoluzionario dalla forte valenza pedagogica. Nato nel 2013, LuckyLeo® è, innanzitutto, una bella amicizia tra Lucky, un dolcissimo incrocio tra un labrador e un golden retriever e Leo, un bambino vivace amante dei libri, compagni inseparabili fin dal primo momento. Da qui, i benefici della pet therapy insieme alle pratiche della lettura ad alta voce, coinvolgendo attivamente anche genitori e insegnanti. "Vedere che il mio nipotino Leonardo spontaneamente si adagia su Lucky ad ascoltare le storie per il rituale della nanna è stato determinante per comprendere la natura relazionale e comunicativa del mio cane” - dichiara l’autrice nell’introduzione del libro. 
Con questo progetto educativo si vuole stimolare non solo l'amore per la lettura già da piccolissimi, l'amore per gli animali e la natura, ma anche promuovere le biblioteche e le librerie come luoghi familiari, di benessere, come luoghi del quotidiano. “I cani vengono coinvolti, mai usati: c’è un interscambio, bimbi e genitori entrano in relazione con l’animale” - afferma Dottoressa Rossella Bovo, medico veterinario, esperto in medicina del comportamento” - “Questo fa sì che il benessere psicofisico del coterapeuta-cane venga sempre rispettato”.
Il metodo viene testato con successo nelle biblioteche, nelle librerie e nelle strutture per l'infanzia di tutta Italia.

Insomma, come dice bene la Albergo - "Promuovere la lettura significa gettare le basi per una società più istruita, più solida e consapevole del mondo in cui viviamo e ci muoviamo. Quando cominciare a farlo, se non nella prima infanzia?". E se Fido "partecipa", ancora meglio...

 

IO LEGGO CON IL MIO CANE 
Teresa Albergo
Sonda Editore, 2018
Pagg: 128

 

 

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Natale (1) è... ritrovare ogni anno vecchi amici con cui festeggiare. No, questo pensiero non è mio, anche se lo condivido, ma si legge in un vecchio libricino di Schulz, magnifico disegnatore dei Peanuts. La frase è bellissima, incredibilmente vera. In fondo molti di noi celebrano il Natale in modo tradizionale. Consueto. Ogni famiglia ha i suoi cerimoniali che ritrova puntuale ogni anno. Cambiano forse gli addobbi. Certamente i regali. La mise en place del cenone stupisce per qualche ornamento in più ma il mood resta sostanzialmente intatto. Ed è bello sprofondare e lasc...

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.