18set 2018
Toscana eventi - Slow Travel Fest, la Francigena a piedi e non solo
Dal 21 al 23 settembre tre giorni di esperienze outdoor

Settembre è un mese perfetto per fare attività all'aria aperta. E' più fresco ma non ancora freddo, i colori dell'autunno iniziano ad affacciarsi creando una palette ogni volta unica e affascinante. Che si tratti di nordic walking, corsa o semplice camminata, godere della natura a 360° anche in questo particolare periodo dell'anno è un vero toccasana per il corpo e per lo spirito.
Ma allora dove trovare spunti invitanti per profittare al meglio dell'avamposto dell'autunno? Dal 21 al 23 settembre, per esempio, si anima lo Slow Travel Fest (1), la festa delle esperienze outdoor della Francigena arrivata alla sua quarta edizione. Di cosa si tratta? Di una sollecitazione, uno stimolo per scoprire la bellezza dei territori lungo la Via Francigena che attraversa il cuore della Toscana e dell’Europa. Come? Pedibus calcantibus, in primis, camminando (2). Il ricco programma della tre giorni, infatti si apre venerdì 21 settembre con la Francigena Welcome Walk!: partenza alle ore 9 da San Gimignano per uno straordinario itinerario a piedi lungo i trenta chilometri di una delle più belle tappe della Via Francigena, arrivando fino a Monteriggioni (3). Ma non finisce qui... ritornano gli appuntamenti “classici” del programma come il trekking alla scoperta della natura della Via Francigena e della Montagnola Senese e la possibilità di “sperimentare” (4): dal rafting nel fiume Elsa, alle pedalate in mountain bike, fino all'orienteering per immergersi e imparare a orientarsi nei boschi della Montagnola Senese. La manifestazione godrà anche di personaggi internazionali di grande spessore come Andrew Thomas Price, maestro nel mondo del bushcraftin e volto televisivo anche per la BBC. L’esploratore proporrà alcuni laboratori durante i quali sarà possibile sperimentare tecniche di sopravvivenza per affrontare un bivacco e un’escursione nella natura in autonomia e sicurezza. Ancora... Il giovane Andrea “Budu” Toniolo, autore de “Il limite che non c'è. Dall'Italia a Capo Nord correndo”, viaggio che ha intrapreso dopo un incidente, racconterà cosa significhi comprendere il proprio limite, porsi un obiettivo e trovare la motivazione. Il “Forrest Gump italiano” condividerà con il pubblico sogni, imprevisti, incontri, solitudini, risate frutto di 4.300 km percorsi in 84 giorni, 6 nazioni attraversate, 9 paia di scarpe usate e un sacco di notti passate nei boschi. Dopo tanta fatica (e gioia) fisica diretta o indiretta, al via gli spettacoli serali di musica e cultura (4 - 5). Tra questi "Bocca Baciata", lo show di David Riondino dedicato al Decamerone ospitato nello scenario dell’antico chiostro del 1001 d.C dell’ostello di Abbadia a Isola. E poi la musica, partendo dall’ironia, l’eclettismo e le sperimentazioni elettroacustiche degli Ooopopoiooo, il duo formato dalla giovane e talentuosa Valeria Sturba e dal polistrumentista Vincenzo Vasi, conosciuto per le sue collaborazioni con Vinicio Capossela, Mike Patton, Roy Paci. Il concerto di chiusura, infine, vedrà salire sul palco l’energia italo-argentina dei Su Realistas. Il loro pop tropicalista mescola ritmi caraibici e intimità da cantautore, spirito porteño e sonorità brasiliane senza mai allontanarsi dalla loro idea di musica, fatta di ironia ed esuberanza, già esibite nel loro recente tour europeo.
Questo è solo un assaggio, anche se molto promettente, del vasto programma dei tre giorni "open air" made in Tuscany.
Tutte le altre info su: www.slowtravelfest.it.

Lo Slow Travel Fest è promosso e patrocinato dal Comune di Monteriggioni, Regione Toscana, in collaborazione con Toscana Promozione Turistica e ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo. Da un’idea di Ciclica.cc e Il Movimento Lento, è organizzato da Ciclica.cc, Kindi, Andare a Zonzo e Musicastrada.

Mail:

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Natale (1) è... ritrovare ogni anno vecchi amici con cui festeggiare. No, questo pensiero non è mio, anche se lo condivido, ma si legge in un vecchio libricino di Schulz, magnifico disegnatore dei Peanuts. La frase è bellissima, incredibilmente vera. In fondo molti di noi celebrano il Natale in modo tradizionale. Consueto. Ogni famiglia ha i suoi cerimoniali che ritrova puntuale ogni anno. Cambiano forse gli addobbi. Certamente i regali. La mise en place del cenone stupisce per qualche ornamento in più ma il mood resta sostanzialmente intatto. Ed è bello sprofondare e lasc...

 

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.