14dic 2018
Siena - Una città ideale. Dürer, Aldorfer e i Maestri Nordici della Collezione Spannocchi di Siena
Santa Maria della Scala

In mostra a Siena presso il complesso il Santa Maria della Scala fino al 5 maggio 2019, "Una città ideale."Dürer, Aldorfer e i Maestri Nordici della Collezione Spannocchi di Siena" curata da Cristina Gnoni Mavarelli, Maria Mangiavacchi e Daniele Pittèri (1 - Ambito di Abel Grimmer, Anversa 1570 ca.-1620 ca. La Torre di Babele, Olio su tavola, cm 49,9x66,5). L’esposizione é senza dubbio la più rilevante raccolta senese, sia per l’elevata qualità delle opere (2 - Jacob Marrell, Frankenthal 1614–Francoforte sul Meno 1681, Fiori 1655, Olio su rame, cm 36,5x25) che per la storia del collezionismo cittadino. E' possibile godere di un numero significativo di opere fiamminghe e "nordiche" della Collezione Spannocchi, esposte in un percorso tematico ed organizzate cronologicamente. Fra i dipinti più importanti, preziosa risulta la tela di Albrecht Durer con il mirabile San Girolamo, firmato e datato 1514, l’elegante Lucrezia di pittore legato alla cerchia di Lucas Cranach (3 - Lucas Cranach, Kranach 1472-Weimar 1553 Lucrezia Circa 1510-1512  Olio su tavola, cm 42x27,7), La decapitazione del Battista, attribuita ad un artista tedesco collaboratore di Altdorfer e la Torre di Babele, dove l’anonimo pittore indulge nella animata descrizione di un’umanità intenta alle occupazioni più disparate in cui spicca l’imponente costruzione centrale, ricca di ardite soluzioni architettoniche. La mostra consente di cogliere lo spirito collezionistico che interessò dapprima i Gonzaga a Mantova (da cui proviene parte della collezione) e, successivamente, le famiglie Piccolomini e Spannocchi a Siena. Come dichiara l’architetto Anna Di Bene, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, “studi recenti hanno evidenziato l’assoluta singolarità della collezione, accresciutasi attorno un nucleo originario appartenente ai Gonzaga, e quindi formata da opere di ambito eterogeneo, nelle quali si rispecchiano le scelte cosmopolite dei proprietari. L’Europa del Nord costituiva, nei secoli tra il XV e il XVII, un riferimento importante per le corti italiane, che ad essa erano unite non solo da relazioni di tipo commerciale, ma da una fitta rete di scambi culturali, dei quali la Collezione Spannocchi costituisce per Siena una rara fonte di informazioni e testimonianze materiali.”

“L’esposizione che si deve alla rinnovata collaborazione tra la Pinacoteca Nazionale e il Comune di Siena – spiega il sindaco Luigi De Mossi - si configura come un evento di particolare importanza per la città, e dal prossimo anno, costituirà una nuova sezione permanente del percorso espositivo dell’antico Spedale arricchendone l’offerta e, soprattutto, consentendo finalmente la piena valorizzazione di un grande patrimonio”.

 

Promossa dal Comune Siena, dal Santa Maria della Scala, dal Polo Museale della Toscana - Pinacoteca Nazionale di Siena e dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le Province di Siena, Grosseto e Arezzo, con il sostegno di Opera - Civita.

 

Una città ideale. Dürer, Aldorfer e i Maestri Nordici della Collezione Spannocchi di Siena
Siena, Santa Maria della Scala
14 dicembre 2018 - 5 maggio 2019

ORARI
fino al 14 marzo (eccetto 23/12-06/01)
lunedì, mercoledì, venerdì: 10.00-17.00
giovedì: 10.00-20.00
sabato e domenica: 10.00-19.00
martedì: chiusura
dal 23 dicembre al 6 gennaio
tutti i giorni 10.00-19.00
giovedì: 10.00-20.00
Natale: chiusura
dal 15 marzo al 5 maggio
lunedì, martedì, mercoledì, venerdì, sabato, domenica: 10.00-19.00
giovedì: 10.00-22.00

(Ultimo ingresso un’ora prima dell’orario di chiusura del museo)

BIGLIETTI
Il costo del biglietto della mostra è compreso in quello d’ingresso al Santa Maria della Scala
Intero: € 9,00
Ridotto: € 7,00 (ragazzi da 12 a 19, over 65, studenti universitari non iscritti ad istituzioni universitarie senesi, militari, categorie convenzionate)
Gratuito: bambini fino a 11 anni, residenti nel Comune di Siena, scuole pubbliche ed universitarie senesi, docenti accompagnatori, accompagnatori gruppi (1 ogni 10 persone), portatori di handicap e accompagnatore, giornalisti

INFO E PRENOTAZIONI:

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Tempo di primavera. La sentita nell'aria (1)? Certo, il clima benché già più mite, non è ancora però stabile ma il profumo di erba fresca e di magnolia, anche per chi vive in città, inizia a solleticare, facendoci star meglio e invitandoci a trascorrere più ore all'aria aperta.
Ma primavera significa altresì countdown dell'evento più importante dell'anno per chi, come noi, si occupa anche di arredamento e design. Il momento del Salone del Mobile m...

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.