21mar 2018
MANGIARSI LE PAROLE: RICETTE (DAVVERO) D’AUTORE

Ci sono ricette, menù a tema, piatti prelibati. Ma soprattutto, in questo libro (1), c’è tanta sensibilità, ci sono tante emozioni; vivono, intrecciate, la tradizione e la letteratura. Perché nel suo “Mangiarsi le parole.101 ricette di scrittori italiani del Novecento”, Luca Clerici (2) ha voluto raccogliere tante suggestioni d’autore – come quelle di Grazia Deledda, Giuseppe Ungaretti, Simonetta Agnello-Hornby, Michele Mari; ricette antiche e nuove, organizzate in menù (“alla carta” e “a tema”); evocazioni varie ad argomento culinario. Qua e là si trovano ingredienti e istruzioni per cucinare piatti tradizionali, oppure nuovi, improbabili e perciò divertenti, come la “Pasta e springoli” di Aldo Fabrizi del Menù dietetico, un primo a base di un pesce che nessuno ha mai assaggiato, o come “le ricette di ricette” del Metamenù Il risultato è un gradevolissimo, “saporitissimo” testo che può essere considerato tanto un’antologia letteraria di testi rari e spesso sconosciuti quanto un vero e proprio un ricettario che spazia dall’aperitivo ai dolci, passando per sughi, salse e farciture.
I menù a tema (afrodisiaco, dietetico, in giallo, rosa, metamenù e menù di soli primi versi, con le poesie in dialetto di Biagio Marin e di Arrigo Boito) stimolano la fantasia del lettore, che viene invitato a confrontarsi con la propria creatività (3). Per ripetere o interpretare, magari, ricette quali “l’antipasto folgorante”, “le bavette all’africana” o “gli spaghetti alla fumo negli occhi”, piatto quest’ultimo proposto dal noto scrittore Giancarlo Carofiglio, oppure ancora “gli spaghettini al formaggio” di Eduardo De Filippo o il “risotto” di Gianni Brera. Non bastasse, le “Letture da meditazione”, versione letterariamente analcolica dei tradizionali vini da meditazione chiudono ogni menù a tema, evocando le virtù di passiti, sauternes, moscati. A impreziosire ulteriormente il testo, la serie di disegni di John Alcorn, a partire da quello di copertina, rielaborato graficamente (4).
Queste tavole e tutti i documenti riprodotti provengono dal Centro APICE (Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale) dell’Università degli Studi di Milano, così come le immagini “culinarie” – riproduzioni da libri per bambini e da testate giornalistiche, fotografie originali e documenti inediti, come la lettera con la ricetta del brodetto di lavarello – raccolte nell’Album illustrato che completa il volume.
Insomma, un libro si sapori, profumi, ricordi, immagini e stupende, profonde parole. Imperdibile per chi ama mangiare, per chi ama vivere.

 

Luca Clerici, Mangiarsi le parole. 101 ricette d’autore, Skirà, Milano, 20178, 216 pp., 29 euro.

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Verde, colore della speranza, della vitalità, dell’io, della fertilità e naturalmente della natura (1).
In attesa dell’estate, complice la rinnovata voglia di stare più tempo all’aperto, godendosi il tiepido sole durante i weekend, questo colore che infonde gioia e benessere, alimenta la nostra energia fisica e mentale. Indoor e outdoor, nell’architettura (2) ma anche verde urbano, in centro come in periferia, all’insegna, perché no, di un’ecologia sociale. In tutte le sue declinazioni e sfumature, stimola il desiderio di mettere alla prova il nost...

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.