21mag 2018
Focus Libri - PERCHÉ “IL PUZZLE MORO” CONTINUA A INQUIETARE

Vero, ci sono i complottisti. Le ricostruzioni “troppo” fantasiose, le dietrologie. Ma perché tanta ostinazione, a questo punto davvero sospetta, da parte dei “negazionisti” nel dichiarare che della vicenda Moro oramai si sa tutto, che nemmeno si deve chiamare in causa il temine “caso”, che non bisogna correre dietro ai “fantasmi”, che dell’agguato di via Fani è stato detto tutto, e che, soprattutto, le Brigate Rosse non rientravano in nessun possibile disegno internazionale rispetto alla propria dissennata logica terroristica? Giovanni Fasanella (1 - Primo da Dx), giornalista attivissimo nella ricostruzione del contesto geopolitico, in “Puzzle Moro” (2) colloca invece il caso – il “caso”, sì – nel suo alveo, nel suo contesto, nel suo milieu europeo, mediterraneo, mondiale costruito su una storia assai complessa. La vicenda ha a che vedere con la sovranità limitata del nostro Paese e “affonda le proprie radici nelle anomalie della storia italiana del dopoguerra”; i brigatisti erano convinti di essere il motore di avvenimenti che sono invece più grandi di loro. Il problema – per i negazionisti che si “attengono ai fatti accertati” – è che il libro di Fasanella è documentatissimo: particolarmente ricchi e illuminanti i tanti documenti degli archivi britannici di Kew Gardens, che le autorità italiane si ostinano a non voler consultare (sapete com’è, il budget è limitato). Il fatto è che l’Italia, dal dopoguerra e per tutti gli anni Settanta, rivestiva un ruolo strategico, tra Est e Ovest, Nord e Sud Europa; stretta com’era tra il Patto Atlantico e la tentazione comunista. Di Moro (3)  non piaceva, agli Usa e alla grandi potenze europee, la gestione della politica mediterranea, in un’area di grande interesse strategico soprattutto per gli inglesi e l’idea di coinvolgere i comunisti nella formazione del governo italiano. E, ancora, “destabilizzare per stabilizzare” non era un vuoto slogan ma un preciso intento di quegli anni; così come “golpe o appoggio a una diversa azione sovversiva?” una domanda che il direttorio europeo si rivolgeva di continuo, per scongiurare il rischio di una deriva italiana verso la… disobbedienza atlantica. E così scorrono, scanditi da un ritmo incessante e coinvolgente come se si leggesse un thriller, inquietudini e interpretazioni, fatti del passato (Piazza Fontana, il Watergate, l’incidente di Sofia che coinvolse Berlinguer) diversi e lontani, ma tutti concatenati e personaggi chiave – Valerio Borghese, Edgardo Sogno, Gianni Agnelli, Henry Kissinger, il cruciale Francesco Malfatti di Montetretto, il direttore d’orchestra Igor Markevic - anni e anni di ambiguità, segreti di Stato cose non dette perché indicibili. Altro che correre dietro ai fantasmi: “il presepe di coincidenze” - l’espressione è di Miguel Gotor, tra gli studiosi più preparati sulla vicenda – continuerà a ossessionare e a inquietare gli italiani. Tranne quelli, appunto, che si sono accontentati delle mezze verità – e delle innumerevoli menzogne - della versione ufficiale.

 

Giovanni Fasanella, Il puzzle Moro. Da testimonianze e documenti inglesi e americani desecretati, la verità sull’assassinio del leader DC, Chiarelettere editore, Milano, 2018, pp. 362, 17,60 euro.

1

2

3

Photo Credits

Photo 3 : Riccardi

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Il freddo ormai bussa alle porte. Le giornate diventano più corte e… torna la voglia di casa (1). Avvolti dall’effetto cocoon, riscopriamo la gioia del confort di stare tra le mura domestiche. E così molti celebrano i primi sabati d’autunno "copertina di linus-divano-tè-caldo-fiction-tv".
Ecco i weekend inside invece che outside, complice la rete con anche l’editoria on line che permette di usufruire di decine di magazine da sfogliare liberamente dal proprio smartphone (2). O ancora Instagram. Per non parlare della te...

 

 

SIAL bann it 728x90 distribuzione moderna 002


FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.