04ott 2017
Firenze spettacoli - dove andare
in Piazza SS. Annunziata si celebra il genio di Brunelleschi

L'autunno si sta rivelando un periodo di grande fervore culturale e artistico per la città del Giglio. Dopo la Biennale Internazionale dell'antiquariato appena conclusa, l'imminente Mostra Internazionale d'arte contemporanea, ecco che l'11, il 12 e il 13 ottobre, andrà in scena, ogni sera alle 21, l'opera di teatro - architettura "Muovere un cielo pieno di figure vive", inserito nel Progetto speciale Drammaturgia dello Spazio/per un teatro dei luoghi, dedicato a Filippo Brunelleschi.

Questo "disegno" di grande sperimentazione artistica, nasce dal talento di Giancarlo Cauteruccio, che ne è anche il regista, per la facciata dell'Ospedale degli Inncenti. Non a caso, la scelta di questo luogo simbolo della città: la Piazza Santissima Annunziata (1) che dialoga con l'altro edificio storico per eccellenza, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Uno spazio che si articola in uno straordinario concerto di simmetrie, in cui arte e architettura creano uno degli scenari più emozionanti al mondo. E qui prende vita l'omaggio al grande architetto rinascimentale e a ciò che questa piazza ha rappresentato nei secoli (2).

Un mapping digital video di cinquanta metri di base determinerà la scenografia di una architettura dinamica, di un palcoscenico urbano nel quale abiteranno i performer, operai delle geometrie, le pattinatrici, angeli in volo, e i giovani artisti, macchinisti costruttori di quella scenotecnica di cui Brunelleschi fu il primo sperimentatore. Una performance per sollecitare nello spettatore una rivisitazione critica e percettiva degli spazi e per interpretare e leggere in una luce nuova uno dei monumenti più rappresentativi di Firenze.

Protagonisti assoluti dell'intero progetto, i giovani. Ragazzi e ragazze: dai danzatori, attori, artisti, pattinatrici, fino al coro delle Voci Bianche del Maggio Musicale Fiorentino (diretto dal maestro Sara Matteucci), e agli allievi del laboratorio Tearc. "Voglio continuare a difendere ciò che faccio da sempre e cioè il coinvolgimento dei giovani, la guida delle nuove generazioni nella consapevolezza della realtà e di quanto l'arte e la bellezza possano contribuire alla crescita individuale di ognuno di loro" - ha affermato il maestro Cauteruccio durante la conferenza stampa di presentazione (3).

L'imponenete opera si compone di due momenti che includono laboratorio e produzione, e che prendono vita in due spazi cittadini, piazza SS. Annunziata, appunto e il "mitico" Tenax (a novembre), locale cult per concerti e dance dagli anni '70. Qui, in particolare i giovani artisti, i performer e gli studenti selezionati si confronteranno direttamente con la drammaturgia dello spazio, insistendo sulla consapevolezza del corpo e della sua dinamicità in un contesto fisico definito.


Drammaturgia dello spazio, per un teatro dei luoghi è sostenuto da Mibact, inserito nei progetti speciali del 2017, da Regione Toscana, attraverso il progetto regionale Le arti dello spettacolo tra tradizione ed innovazione, dal Comune di Firenze, da Città Metropolitana, in collaborazione con DIDA/dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze e con il contributo di Fondazione Cr Firenze.


MUOVERE UN CIELO PIENO DI FIGURE VIVE è in collaborazione con Istituto degli Innocenti di Firenze e Fondazione Maggio Musicale Fiorentino.


Lo spettacolo è ad ingresso libero
fino ad esaurimento posti
accesso dalle ore 20

 

Per info: 

Telefono : 0552345443

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

“Navigavamo in un mare di latte”, così Luciano di Samosata, scrittore greco antico di origine siriana e narratore di fantascienza ante litteram immaginava una crociera fantasiosa ai confini delle realtà.

Oggi invece la situazione è ben diversa: navighiamo infatti e realmente in un mare di plastica (1). Ma da dove l’origine, dove la destinazione finale e quali infine gli eventuali rimedi? 

Immaginiamo quale sia il tragitto di un normale cotton fioc, dalle orecchie dopo la pulizia nel nostro habitat domestico: magari lo scarichiamo ...

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.