28apr 2018
Firenze sboccia con la Mostra Mercato Primaverile di piante e fiori
Un tripudio di bellezza multicolore

E’ tradizione oramai consolidata. Nella settimana che va dal 25 Aprile al 1 Maggio, a Firenze, la Società Toscana di Orticoltura organizza nel Giardino omonimo, zona piazza della Libertà, la Mostra Mercato Primaverile di piante e fiori (1).
Per i fiorentini l’evento è un must: sin dalla mattina i vialetti del giardino si riempiono di visitatori giunti per guardare, annusare e soprattutto comprare le meraviglie esposte.
Perché, attorno al Tepidario, un’enorme serra di vetro e ghisa (2), costruita nella seconda metà dell’Ottocento su progetto dell’ingegnere e architetto Giacomo Roster, i prati si trasformano magicamente in distese di colore, coperte da un’infinità di piante per il giardino o per il terrazzo (3): petunie, gerani, campanule, garofani e fresie. E ancora piante di agrumi, carnivore e acquatiche, delicate ortensie (4) e vivaci azalee.
Fiori, tanti, bellissimi (5). Potrebbe essere difficile scegliere, ma si dice che gli appassionati si dividano in due grandi categorie: quelli che amano le orchidee e quelli che amano le rose. E ci sono orchidee davvero notevoli ma, per me che amo soprattutto le seconde, il Giardino dell’Orticoltura riserva delle visioni spettacolari: cascate di boccioli e profumi intensi, petali di velluto e seta. Non resta che fare una visita.
Il Mercato resterà aperto tutti i giorni dalle ore 9 alle 19.30, con ingresso libero, fino al primo Maggio.

Per maggiori informazioni:

Indirizzo : via Vittorio Emanuele II n°4 Firenze,

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Verde, colore della speranza, della vitalità, dell’io, della fertilità e naturalmente della natura (1).
In attesa dell’estate, complice la rinnovata voglia di stare più tempo all’aperto, godendosi il tiepido sole durante i weekend, questo colore che infonde gioia e benessere, alimenta la nostra energia fisica e mentale. Indoor e outdoor, nell’architettura (2) ma anche verde urbano, in centro come in periferia, all’insegna, perché no, di un’ecologia sociale. In tutte le sue declinazioni e sfumature, stimola il desiderio di mettere alla prova il nost...

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.