02ott 2018
Firenze e San Pietroburgo insieme per l'eccellenza orafa

Sempre più solida la bellissima collaborazione di scambio culturale tra il Museo Hermitage di San Pietroburgo e LAO la scuola per l’oreficeria attiva a Firenze dal 1985. Un sodalizio che continua dal 2014, ulteriormente consacrato e legittimato dall'incontro ufficiale di questi giorni tra il direttore dell’Hermitage Michail B. Piotrovskij, il fondatore e presidente di LAO, Giò Carbone, il direttore LAO Anna Balatti e il presidente dell’Associazione amici del museo Ermitage di Firenze, Francesco Bigazzi (1 - 2). Ogni anno la scuola fiorentina ospita, per un mese almeno, due collaboratori del museo russo per corsi di specializzazione e aggiornamento su materie come l’incassatura e l’incisione a bulino, oppure lo smalto a caldo. Così versante San Pietroburgo, l'Ermitage ha accolto l’anno scorso uno studente e un docente della LAO. Un segnale evidente di stima, di riconoscimento professionale nei confronti della maestria della scuola del complesso degli Artigianelli. Oltre alla frequenza totalmente gratuita per i corsi, LAO concede agli ospiti del’Hermitage anche l’alloggio, i materiali e gli utensili necessari alle lezioni. Negli anni, i partecipanti ai corsi sono stati Svetlana Malkiel, Ilya Morozow, Stanislav Makeev, Roman Karakurkchi e Albina Zhukaeva, tutti collaboratori e restauratori del museo che ospita una delle più importanti collezioni d’arte del mondo e una ricca collezione di gioielli. 
Una cooperazione intelligente, un modello che è fucina di talenti pronti ad affermarsi nel mondo del gioiello e della creatività nazionale e internazionale.

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Natale (1) è... ritrovare ogni anno vecchi amici con cui festeggiare. No, questo pensiero non è mio, anche se lo condivido, ma si legge in un vecchio libricino di Schulz, magnifico disegnatore dei Peanuts. La frase è bellissima, incredibilmente vera. In fondo molti di noi celebrano il Natale in modo tradizionale. Consueto. Ogni famiglia ha i suoi cerimoniali che ritrova puntuale ogni anno. Cambiano forse gli addobbi. Certamente i regali. La mise en place del cenone stupisce per qualche ornamento in più ma il mood resta sostanzialmente intatto. Ed è bello sprofondare e lasc...

 

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.