Sacchetti dell'ortofrutta - Chi paga l'ambiente?

Come noto, dal 1 gennaio scorso i consumatori italiani hanno brindato al nuovo anno con un ulteriore (tra i tanti) balzello: il sacchetto usa e getta, ecologico in bio-plastica (1) che, seguendo la nuova norma di legge, deve contenere almeno un 40% di componente vegetale. Bello lo scopo, meno ma molto meno, il vecchio vezzo del legislatore italiano (cioè dei nostri politici) di ribaltare sui cittadini il costo dell'operazione che nasce da molto lontano.

E tale fonte primaria è forse da ricercare in noi stessi, nella poca o nulla educazione civica, essendo sia l'educazione che il civismo concetti ormai sconosciuti ai più: dalle famiglie alla scuola e quindi alla attuale società. Non meraviglia perciò che complice, appunto, la maleducazione, nel senso più alto del termine, il nostro pianeta sia ridotto da tempo ormai in spazzatura. Basta fare due passi in una qualsiasi città per notare (il fatto tragico è che non lo si nota quasi più ormai) rifiuti ovunque, se poi ci si prende la briga di una istruttiva "gita" in discarica, allora si potrà vedere con i propri occhi la quantità incredibile di rifiuti prodotta e raccolta, ancora il non piccolo problema dello smaltimento ed infine ciò che più mi turba, lo stato pietoso della discarica delle discariche: il mare.

Solo pochi giorni or sono, sono state divulgate on line le sconcertanti tristi immagini di una manta gigante che si aggirava nei suoi mari esotici resi un vero immondezzai di plastiche, è di recente notizia la raccolta sulle spiagge italiane di ben 7 mila cotton fioc notoriamente prima causa della morte di delfini e tartarughe, oltre che di molte altre specie marine, tanto che la multinazionale che le produce ha fatto sapere che fermerà la produzione di cotton fioc col bastoncino in plastica. Al loro posto, sul mercato verranno introdotti bastoncini cotonati prodotti interamente in carta e, quindi, biodegradabili.

Giusto etico ed ecologico quindi il provvedimento legislativo, ma troppe sono le storture: la prima enorme a nostro modesto giudizio, quella di averne ribaltato il costo interamente ed indiscriminatamente sul consumatore ed un altro immediato quello di averne impedito un uso corretto alternativo (2). "Il fatto che si possano portare da casa sacchetti nuovi per la spesa di frutta e verdura è pura teoria - ha infatti dichiarato il Presidente di Federdistribuzione, Giovanni Cobolli Gigli - perché il consumatore per essere in regola dovrà trovare esattamente quelli che si usano nei punti vendita, dello stesso peso, biodegradabili e biocompostabili. Quello che chiediamo ai ministeri è più semplificazione e più chiarezza". Sia il Codacons che l'Unione nazionale consumatori denunciano che alcuni supermercati (3) fanno pagare i sacchetti a chiunque acquista ortofrutta, anche se non li usa (per esempio attaccando l'adesivo col prezzo sul prodotto). Situazione francamente incresciosa tanto che il Codacons annuncia un esposto per truffa a 104 procure.

Ecologia, economia, sostenibililtà, "vero" tutto ma chi inquina è l'industria (produttiva o distributiva che sia e che ne gode il profitto) od il consumatore finale: cittadino, suddito o schiavo?

Meditate gente meditate, specie prima di andare alle urne....

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Verde, colore della speranza, della vitalità, dell’io, della fertilità e naturalmente della natura (1).
In attesa dell’estate, complice la rinnovata voglia di stare più tempo all’aperto, godendosi il tiepido sole durante i weekend, questo colore che infonde gioia e benessere, alimenta la nostra energia fisica e mentale. Indoor e outdoor, nell’architettura (2) ma anche verde urbano, in centro come in periferia, all’insegna, perché no, di un’ecologia sociale. In tutte le sue declinazioni e sfumature, stimola il desiderio di mettere alla prova il nost...

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.