GLIFOSATO, LICENZA DI UCCIDERE?
Dal produttore al consumatore, come arricchire le multinazionali

La recentissima sentenza di una Corte americana (oggi su tutte le testate giornalistiche) ripropone alla pubblica attenzione la già più volte discussa pericolosità del glifosato un erbicida chimico (1 - 2) prodotto dalla società Monsanto acquisita recentemente dal colosso tedesco Bayer (di cui abbiamo già parlato il 28 novembre 2017 QUI).
Dichiarato altamente nocivo e considerato probabilmente cancerogeno (3) dallo Iarc (International Agency for Research on Cancer), nonostante la proposta italiana  per la sua messa al bando (ben supportata da Coldiretti) continuerà  purtroppo ad essere usato per altri 5 anni all'interno dell'Unione europea grazie, certo casualmente (?), ad un improvviso "voltafaccia" della Germania forse non proprio insensibile alle presumibili lusinghe della stessa azienda (Bayer)...
Strano che allorché si parli di salute nei fatti e non solo a parole, i tanti sprecati silenzi dei vari politici europei si dissolvano poi improvvisamente come gelati al sole dei tropici, già perché se anche la sua tossicità non fosse certa al 100% un ragionevole dubbio (per usare la terminologia giuridica americana) dovrebbe bastare eccome, per metterne subito al bando il suo uso anche nella "civile" Europa.
Ma ben sappiamo come le "pressioni morali" delle società multinazionali possano far "riflettere" eccome, prova ne sia questa non ultima vicenda. Del resto verrebbe da pensare malignamente, cosa meglio di un prodotto cancerogeno per poi incrementare anche la vendita delle medicine anticancro? magari prodotte dalla stessa industria.
Naturalmente è solo un cattivo pensiero, ma il buon vecchio Andreotti insegna: "A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca".

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Natale (1) è... ritrovare ogni anno vecchi amici con cui festeggiare. No, questo pensiero non è mio, anche se lo condivido, ma si legge in un vecchio libricino di Schulz, magnifico disegnatore dei Peanuts. La frase è bellissima, incredibilmente vera. In fondo molti di noi celebrano il Natale in modo tradizionale. Consueto. Ogni famiglia ha i suoi cerimoniali che ritrova puntuale ogni anno. Cambiano forse gli addobbi. Certamente i regali. La mise en place del cenone stupisce per qualche ornamento in più ma il mood resta sostanzialmente intatto. Ed è bello sprofondare e lasc...

 

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.