12gen 2018
Pitti Uomo 93 - Colazione da Pineider
le nuove collezioni orientate al futuro

Vi ricordate il fruscio delle raffinate carte personalizzate, le eleganti partecipazioni, il morbido segno lasciato dalle romantiche stilografiche? E che dire delle cartelle? la loro morbida pelle dava una strana sensazione di classe, memoria e affidabilità. Parlo beninteso delle carte, le stilografiche e le cartelle Pineider (1) che da oltre duecento anni rappresentano a Firenze la qualità e il prestigio (2), la solidità della tradizione e l'importanza dello stare al passo con i tempi.

Per seguire questa scia di contemporaneità, Pineider rinnova e amplia le sue collezioni proponendo nuovi modelli che rispondo alle esigenze dell'uomo moderno, mantenendo inalterato lo stile che caratterizza il brand, fatto di eccellenze artigianali, ricerca estetica e raffinatezza.

L'apertura, negli ultimi mesi, di nuovi spazi come quello di Harrods a Londra e l'inserimento dei prodotti Pineider in store ricercati come Raw e la Rinascente a Milano, Bergdorf Goodman a New York, Isetan a Singapore e Shin Kong Salace a Pechino, sono importanti marcatori del successo aziendale.

Pitti Uomo 93 rappresenta un'occasione per presentare tutte le nuove linee, ponendo l'accento sulla pelletteria maschile, con particolare attenzione a tutti coloro che si muovono e lavorano con ritmi contemporanei, ma con gusto e scelte di eleganza nel comfort.

Parafrasando il famoso film con Audrey Hepburn, nella Boutique Pineider di Piazza Rucellai a Firenze, mercoledì 11 gennaio, è stata offerta una "Colazione da Pineider" (3 - 4).

Seguendo il tema della manifestazione, che quest'anno è dedicata al cinema, l'evento è stato accompagnato da una rivisitazione di musiche da film, suonate dal pianista e compositore Cesare Picco (5).

E come al cinema, davanti agli oggetti mitici sugli scaffali e negli espositori, un pubblico incantato ha potuto osservare accanto ai classici, le ultime novità: l'Essential, un sottobraccio che in dimensioni ridotte (25x33cm) può contenere un laptop, un tablet, il cellulare e altri accessori tra cui, ovviamente, carta e penna, e la Covertibile, di gusto vagamente retrò, che da cartella di lavoro si trasforma in borsa a tracolla e poi in zaino.

Ancora una volta, il marchio Pineider si dimostra un'eccellenza fiorentina e italiana legata al rinnovamento della tradizione, nel segno del gusto.

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Poco tempo fa mi è capitato di leggere un libro molto singolare… “La vita segreta degli alberi” di Peter Wohlleben, edito Macro, 2016 (Pp. 265 - Prezzo 18,60) che racconta storie incredibili sulle facoltà sorprendenti degli alberi (1): l’autore, celebre guardia forestale, ne parla basandosi sia sulle più recenti scoperte scientifiche, sia sulle sue esperienze dirette (2). Gli alberi, silenziosi (o almeno così pensavamo) giganti buo...

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.