24nov 2017
Valle d'Aosta - COURMAYEUR: JUST EAT E MANGI DIRETTAMENTE SULLE PISTE

L’8 dicembre, come ogni anno, apre la stagione sciistica. E Courmayeur, ai piedi del Monte Bianco, si propone come sempre tra le località più ambite – sono attese oltre 70.000 presenze - e più al passo con le tendenze del momento. La novità di quest’inverno è rappresentata dal primo “digital food delivery” ad alta quota (1), grazie a Just Eat, l’applicazione leader di mercato per ordinare cibo a domicilio, online presente in Italia dal 2011, e SKIBOX, nuovo concept restaurant.
A proposito di Just Eat, accessibile da pc e da mobile tramite l’applicazione dedicata o la versione mobile del sito, va detto che oggi opera con più di 7.000 ristoranti affiliati in oltre 600 comuni, offrendo un veloce servizio per soddisfare più di 17 milioni di utenti, servendo oltre 68.500 ristoranti partner.
Gli sciatori potranno così ordinare on line, anche a 2.000 metri, i piatti dello street food made in Italy direttamente dall’app Just Eat per poi ritirarli, all’orario indicato nell’ordine, senza code e attesa, allo Skibox. I food truck dei nuovi format gourmet lanciati quest’anno da SKIBOX - MEATYCO, PASTARD, (V)EGGO insieme a MINUTE, PAPILLONS! di Parigi – sono presenti su Just Eat con dei veri e propri menù online, acquistabili con carta di credito e paypal dall’app.
Velocità e facilità di uso, insieme alla qualità dei cibi (2), saranno certamente le armi vincenti di questa innovativa e pratica modalità di mangiare… , “snow food” nei momenti di break e di relax tra una discesa e l’altra, tra uno slalom e una risalita.
Tra i piatti, quelli a base di carne come hamburger, hot dog, spiedini e salumi di MEATYCO, quelli veggy di (V)EGGO, la pasta di PASTARD, le baguette al metro e le piadine di MINUTE, PAPILLONS! di Parigi.
Lo SKIBOX – il progetto nasce nel 2015 da un’idea di Andrea Carletti e Gianluca Perrelli - è ubicato all’arrivo della cabinovia Col Checrouit (3), passaggio “obbligato” per tutti gli sciatori che frequentano il comprensorio, e ospiterà rinomati chef che si alterneranno lungo tutto l’arco della stagione. Perché anche sulla neve il palato vuole la sua parte, eccome.


Info:


1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Devo confessare che l'ultima riunione di redazione per discutere su argomenti utili, anche e soprattutto, per il prossimo editoriale, è stata come pervasa, almeno in principio, da un mood vagamente annoiato. Sì, avete capito bene… il tema era il Natale che verrà (1). Ed ecco quindi i soggetti che uscivano dal brain storming fiorentino: "Il piacere di donare e di ricevere", "Dare come parola talismano, che fa crescere", "Natale anniversario del cuore, il momento per recuperare dal solaio le statuine per il Presepe", "Albero si o albero no", "I mercatini di Natale più belli d...

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.