10mag 2017
tuttofood 2017 - milano
il food che verrà - tendenze

Sta per terminare la settimana milanese dedicata interamente all’alimentazione con la fiera biennale di TuttoFood2017 (1). Tanta la tradizione ma anche l’innovazione a quest’edizione foodista che proprio ieri ha salutato l’ex presidente Obama in visita nel capoluogo lombardo per promuovere tra l'altro, argomenti "caldi" come la sostenibilità e il fattore clima.

Ma torniamo a Rho Fiera (2)... Tra i dati emersi durante la kermesse agrialimentare, l’Italia quale primo referente commerciale per le aziende del settore, ma con un'espasione oltreconfine per nulla banale. “Coinvolgiamo oltre 1.500 aziende italiane in attività di promozione – ha dichiarato il Presidente di ICE Agenzia, Michele Scannavini – e per noi è essenziale che alcune fiere di settore siano riferimenti internazionali, focalizzandoci sugli eventi più importanti: a TUTTOFOOD 2017 portiamo oltre 240 operatori esteri e chiudiamo 10 accordi con operatori stranieri” (3 -4).

 

Ecco in pillole alcune tendenze del food di domani evidenziate dalla ricerca Ipsos per TuttoFood2017

 

Leggero, della tradizione, delicato (ma non troppo) e salato. Questo il piatto vincente del 2017, secondo quanto emerge dalla ricerca. In particolare la delicatezza è preferita da donne e 50-64enni, mentre i gusti decisi sono appannaggio di uomini. Infine il salato (70%), rispetto al dolce, mette d’accordo tutte le categorie.

 

Continua inoltre a crescere la voglia di mangiare fuori casa, soprattutto tra gli abitanti del Nordovest.

E infine l’online che sembra vivere un momento particolarmente “felice”. Non più diffidenza quindi nei confronti dell’e-commerce anche se il ruolo prioritario rimane informativo, specie la ricerca di recensioni sui prodotti alimentari.

 

TUTTOFOOD 2017 (5) prosegue a fieramilano fino domani a giovedì 11 maggio.

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Devo confessare che l'ultima riunione di redazione per discutere su argomenti utili, anche e soprattutto, per il prossimo editoriale, è stata come pervasa, almeno in principio, da un mood vagamente annoiato. Sì, avete capito bene… il tema era il Natale che verrà (1). Ed ecco quindi i soggetti che uscivano dal brain storming fiorentino: "Il piacere di donare e di ricevere", "Dare come parola talismano, che fa crescere", "Natale anniversario del cuore, il momento per recuperare dal solaio le statuine per il Presepe", "Albero si o albero no", "I mercatini di Natale più belli d...

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.