Sardegna, Golfo di Oristano - agriturismo Casa Marmida
Cenare sotto le stelle e in riva al mare

Metti una sera a cena ti venisse voglia di assaggiare il mare….? Ma non i frutti di mare, o l’acqua, proprio l’Idea del mare, in tutte le sue complesse diramazioni e concept. Questo deve essere stato lo spunto iniziale per i cinque chef dell’evento La notte degli chef, che hanno preparato un menu multiforme e spettacolare seguendo il filo blu del mare, in tutti i suoi aspetti. Il contesto era davvero fresco, rispetto all’afa di città, nella bella campagna della Costa Verde, a pochi chilometri dalle spiagge di Arbus e dell’oristanese, a bordo di una piscina circondata da begli alberi, in quel di Casa Marmida (1 - 2 - 3), dove regna il patron Andrea Pani (4). 

Gli chef si sono passati il testimone secondo le proprie attitudini e specializzazioni: Stefano Pibi, maestro lievitista, si è dedicato in particolare ai lievitati, Fabrizio Fenu, maestro gelatiere, ai gelati e ai sorbetti serviti durante la cena. Gli chef Andrea conDavide Bonu Alberto Sanna si sono avvicendati nelle preparazioni, in grande armonia e sintonia (5). 

Dj set e scenografa hanno rivestito di suoni, colori e luci l’agriturismo, dove un pubblico di gourmet, ha gustato con gli occhi e con il palato i piatti. Tra i foodie anche proprietari di cantine, hotel di charme e il sous chef di un ristorante pluristellato. 

Accompagnavano la commensalità i Vini Audarya. Dopo l’aperitivo, con stuzzicanti spiedini di frutta fresca, sono andate in scena le “rocce morbide”, pane nero di Stefano Pibi ripieno di golose spume, impiattato sopra una pietra marina. Un gioco, un trompe-l'oeil divertente e buono. 

Le sardelle con gazpacho (6) sono risultate leggere e rinfrescanti, la tagliatella di seppia e il sorbetto alla lattuga sorprendenti e dissetanti. Delicati i raviolini neri (7) di anguilla in brodo di melanzane, superbo il “pesce nell’orto”, un altro calembour, ma questa volta concettuale, per un pesce spada cotto alla perfezione al barbecue, luogo santo della cucina sarda tradizionale, ma con un contorno di verdure molto particolare, accompagnato da un Monica fresco, sempre di Audarya, di cui ho apprezzato l’abbinamento (8). 

Un vaso colmo di erbe spontanee del territorio, accompagnato da ghiaccio secco e azoto liquido (9) ha accompagnato la degustazione del pesce spada, creando la magia olfattiva di trovarsi a pochi passi dal mare, respirando quello che è il profumo inconfondibile della Sardegna, con l’elicriso sopra a tutto. 

Ha chiuso la cena una dolce sorpresa, costituita da una magistrale brioche al pistacchio di Pibi accompagnata da una spuma di ricotta e lime e da un sorbetto all’albicocca del pluripremiato gelatiere Fenu (10). 

Indirizzo : STRADA PROVINCIALE 65 KM 16 09036 GUSPINI
Telefono : +39 3470940618

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

SPUNTI DI VISTA

EDITO

“Navigavamo in un mare di latte”, così Luciano di Samosata, scrittore greco antico di origine siriana e narratore di fantascienza ante litteram immaginava una crociera fantasiosa ai confini delle realtà.

Oggi invece la situazione è ben diversa: navighiamo infatti e realmente in un mare di plastica (1). Ma da dove l’origine, dove la destinazione finale e quali infine gli eventuali rimedi? 

Immaginiamo quale sia il tragitto di un normale cotton fioc, dalle orecchie dopo la pulizia nel nostro habitat domestico: magari lo scarichiamo ...

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.