06nov 2018
Quanto siete social a tavola?
Nasce food.social, la nuova App che stravolge l'idea di condivisione

Cibo e condivisione (1). Cosa c'è di nuovo direte voi? L'assioma è ormai un classico, assodato, "digerito" e quasi scontato. Il piacere di gustare del buon cibo in buona compagnia, condividendo appunto. Mancava però la ciliegina sulla torta, l'idea digital che rivoluzionasse la cultura della condivisone gastronomica. Eccola, pronta e servita: da poco, è nata food.social (2), una nuova start up che cambia il modo in cui le persone mangiano e socializzano a tavola (3).
Una piattaforma internazionale che vuole proporre al pubblico la possibilità di vivere nuove esperienze alimentari attraverso una selezione di host sia ponendo in relazione privati e privati, sia creando nuove occasioni di business per le imprese (4).
Fil rouge del progetto, la condivisione: food.social, infatti, favorirà il contatto con persone in tutto il mondo (5), per sviluppare occasioni sia professionali, sia amatoriali legati alla passione per il cibo, come corsi, degustazioni, presentazioni di nuove e inedite location (6 - Dry Milano) etc.
Food.social è disponibile come piattaforma web e in versione App, con un’interfaccia allo stesso tempo user-friendly e ricca di specifiche per approfondire i propri interessi. Una volta effettuato l’accesso, utilizzando un sistema di geolocalizzazione, l’utente potrà individuare gli host più vicini e la relativa offerta in termini di menù, prezzo e location, oltre alle recensioni degli altri ospiti che hanno già vissuto quell’esperienza. Sarà poi possibile effettuare la prenotazione e pagare direttamente tramite la piattaforma.
Per il suo lancio globale food.social ha scelto Milano ma, da gennaio 2019, nuove destinazioni metropolitane di tutto il mondo saranno incluse nell’elenco destinazioni.

A chi si rivolge:
Gli host di food.social potranno essere:
• aspiranti chef che vogliono farsi conoscere;
• appassionati di cucina che vogliono aprire le loro case ai viaggiatori globali, proponendo
nuove straordinarie location per una cena fuori dagli schemi;
• cuochi professionisti o ristoranti che vogliono far vivere un'esperienza di condivisione
dei pasti;
• insegnanti che vogliono proporre corsi di cucina o laboratori per un pubblico internazionale;
• case vinicole ed enoteche che vogliono organizzare speciali serate di degustazione;
• ristoranti che vogliono promuovere eventi speciali per attirare nuove clienti nelle serate meno impegnate;
• organizzatori di eventi speciali/tour gastronomici, che vogliono utilizzare la piattaforma per comunicare esperienze uniche.

Dall’altra parte, i clienti/fruitori potranno contare su un sistema che garantisce solo esperienze di qualità, attentamente selezionate. I turisti o viaggiatori per motivi di business potranno entrare in contatto con le persone del luogo, senza preoccuparsi di mangiare da soli o di incappare in costose trappole per stranieri; la gente del posto potrà invece utilizzare food.social per provare inedite esperienze e conoscere nuove persone e location nella propria città, facendosi amici provenienti da tutto il mondo.

La start-up ha sede in Olanda, ed è fondata da un team anglo americano proveniente da background professionali e imprenditoriali in IT, Tecnologia, Media, E- commerce, Marketing, con la collaborazione dello chef italiano Enzo Neri.

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Natale (1) è... ritrovare ogni anno vecchi amici con cui festeggiare. No, questo pensiero non è mio, anche se lo condivido, ma si legge in un vecchio libricino di Schulz, magnifico disegnatore dei Peanuts. La frase è bellissima, incredibilmente vera. In fondo molti di noi celebrano il Natale in modo tradizionale. Consueto. Ogni famiglia ha i suoi cerimoniali che ritrova puntuale ogni anno. Cambiano forse gli addobbi. Certamente i regali. La mise en place del cenone stupisce per qualche ornamento in più ma il mood resta sostanzialmente intatto. Ed è bello sprofondare e lasc...

 

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.