Milano dove mangiare - Plato Chic Superfood
il nuovo concept per gustare cibi superfood

Si chiama Plato Chic Superfood ed è naturalmente a Milano, dal 2015 diventata capitale italiana delle nuove tendenze cibo e beverage, dopo l’esperienza di Expo, capitalizzata al massimo (1 - 2).
Plato si pone sul mercato come il “primo locale chic nato dal desiderio di offrire una cucina buona e naturale”, basata quindi sui cosiddetti “superfood”, cibi e ingredienti naturali con principi attivi che aiutano la salute del corpo e della mente, regalando più energia, forza e concentrazione, grazie ai polifenoli, alle vitamine, ai minerali contenuti.
Nel Manifesto del locale si legge anche che “Plato Chic Superfood è dedicata a tutti coloro che amano esplorare il mondo del cibo e vogliono vivere una food experience divertente, sana e del tutto coinvolgente: gli chic food lovers”.
Ai valori nutraceutici dei superfood è abbinata la ricerca di materie prime nuove ed esotiche, cucinata attraverso tecniche innovative.
Un altro elemento del Manifesto del locale è la dichiarazione che “Nel nostro locale non troverai piatti tristi o privi di gusto, perché il cibo è gioia!”, molto importante perché sovente i locali con intenti salutistici dimenticano che il sapore è il primo motore della nutrizione umana, alla ricerca del piacere attraverso il gusto.
Il significato del nome del locale, Plato dal filosofo greco Platone, viene svelato, attraverso il concetto di aliment-azione, nel loro Manifesto:
“Tutto parte, come nel mito della caverna di Platone, dalla conoscenza. Di se stessi, del proprio corpo e degli alimenti che ogni giorno ci aiutano ad affrontare la vita con energia e passione. Gustare il cibo di Plato è proprio questo: venire a conoscenza in maniera profonda di cosa mangi e soddisfare ogni giorno il tuo desiderio naturale di gusto, scegliendo sempre alimenti freschi, sani e preparati su misura per te e le tue esigenze”.
Il senso dell’aggettivo chic secondo il think tank di Plato è strettamente connesso al “lusso”, non inteso come “costoso” ma come “di valore esperienziale, esistenziale, profondo”: lusso è la disponibilità di tempo per se stessi, per prendersi cura del proprio corpo e della propria anima.
Fonte d’ispirazione di Plato rimane la cucina mediterranea, con la sua piramide alla cui base stanno comportamenti virtuosi e le classiche 5 porzioni di frutta e verdura.
“I nostri piatti” affermano “sono un omaggio alla grande tradizione della cucina italiana e ai sapori mediterranei, ma esprimono anche la nostra passione per tutto ciò che è nuovo e vicino allo stile di vita dell’uomo contemporaneo”.
Cosi sono nati alcuni dei piatti più richiesti, come i famosi “veli”, gusci di pasta impalpabili con ripieno dolce o salato, che vengono proposti a colazione, a pranzo e per gli spuntini. Gli impasti dei veli sono un mix di farine sempre diverse – per rispettare il principio di rotazione degli ingredienti - e sono privi di lievito e di glutine (3).
Altre icone del locale sono le acque profumate, brevettate, con ingredienti naturali come la scorza di limone e lime, spezie come l’anice stellato e la cannella, frutta e verdura. Idratanti, depurative e disintossicanti, senza zuccheri aggiunti, alcol o caffeina; e ancora i coni di crudités à porter, realizzati con una grande varietà di verdure fresche di stagione, accompagnate con salse a base di limone, erbe aromatiche, yogurt e spezie: un omaggio all’antica tradizione del cibo di strada ma in versione light & healthy.
Insomma: un’idea fresca, ben costruita e di successo, in un momento topico in cui Milano deve decidere se americanizzarsi con Starbucks o rimanere europea e soprattutto proteggere il made in Italy. Ben vengano idee cosi.

Indirizzo : Via Cesare Battisti 2 Milano

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Natale (1) è... ritrovare ogni anno vecchi amici con cui festeggiare. No, questo pensiero non è mio, anche se lo condivido, ma si legge in un vecchio libricino di Schulz, magnifico disegnatore dei Peanuts. La frase è bellissima, incredibilmente vera. In fondo molti di noi celebrano il Natale in modo tradizionale. Consueto. Ogni famiglia ha i suoi cerimoniali che ritrova puntuale ogni anno. Cambiano forse gli addobbi. Certamente i regali. La mise en place del cenone stupisce per qualche ornamento in più ma il mood resta sostanzialmente intatto. Ed è bello sprofondare e lasc...

 

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.