19gen 2018
La ristorazione cresce e rilancia l'economia
Consumi alimentari fuoricasa a livelli pre-crisi

Buone nuove dal settore fuori casa. Secondo il Rapporto Ristorazione 2017 di Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) i cui dati sono stati presentati ieri a Milano alla sede di Confcommercio Milano - Lodi - Monza Brianza, bar e ristoranti si confermano il volano della ripresa dei consumi delle famiglie italiane.
Il Rapporto Fipe, quest'anno dedicato al maestro e padre della cucina italiana recentemente scomparso, Gualtiero Marchesi, "Intelligenza e umanità della ristorazione italiana", nell’analisi sullo stato dell’arte dei pubblici esercizi in Italia, ha evidenziato un quadro di sostanziale ottimismo soprattutto nei consumi alimentari fuoricasa (1), ormai attestati sul 36% dei consumi alimentari complessivi (2). Positivo anche il versante occupazionale, con una crescita del 3,3% sull'anno precedente. "I numeri del Rapporto Ristorazione 2017 confermano un trend di ripresa che porta i consumi nella ristorazione al livello pre-crisi"- ha affermato Lino Enrico Stoppani, Presidente di Fipe - "Anche sotto il profilo dell'occupazione il nostro settore si conferma tra i pochi in grado di creare nuovi posti di lavoro. Restiamo la componente principale della filiera agroalimentare italiana nella creazione di valore e di occupazione" (3).

Pur in questo quadro generalmente idilliaco, permane il dato preoccupante (4) del tasso di produttività delle imprese della ristorazione non solo basso, ma anzi ridotto e attualmente di sotto di quasi sei punti percentuali rispetto al livello raggiunto nel 2009.

Ritornando al fuori casa, l’Italia resta un popolo che ama frequentare locali, ristoranti e luoghi di aggregazione. L'impatto della crisi sui consumi alimentari in casa (-10,5% pari a una flessione di 15,9 miliardi di euro tra il 2007 e il 2016) ha fatto in modo che il peso della ristorazione sul totale dei consumi alimentari guadagnasse ancora qualche posizione.

Ma vediamo in pillole alcuni punti salienti del Rapporto Fipe:


• La ristorazione, con 41 miliardi di euro di valore aggiunto, è il settore trainante della filiera agroalimentare italiana, più importante di Agricoltura e Industria Alimentare.
• Terzo mercato in Europa dopo Regno Unito e Spagna. Dall'inizio della crisi ad oggi +2,4 miliardi di euro di consumi in Italia, +1 in Francia, -11 miliardi di euro in Spagna e -3,7 miliardi nel Regno Unito.
• Le famiglie italiane nel 2017 hanno speso per mangiare fuori casa oltre 83 miliardi di euro, il 3% in più dell'anno scorso. Continua a calare, al contrario, la spesa alimentare in casa.
• 329.787 imprese con la Lombardia prima regione con il 15,4% del totale, seguita da Lazio (10,9%) e Campania (9,5%). Resta elevato il numero di imprese che chiudono.
• L'occupazione è ancora in crescita: oltre un milione di unità di lavoro, +17% dall'inizio della crisi.
• La produttività resta bassa: sei punti percentuali al di sotto del livello del 2009.
• Prezzi sotto controllo: la tazzina di caffè costa meno di un anno fa.
• La giornata degli italiani: oltre 5 milioni fanno colazione tutti i giorni al bar e 13 milioni pranzano abitualmente fuori casa.
• L’uso della tecnologia: solo il 40% dei ristoranti utilizza strumenti digitali per la gestione dei processi aziendali. Quasi tutti leggono però le recensioni sui social.

 

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Poco tempo fa mi è capitato di leggere un libro molto singolare… “La vita segreta degli alberi” di Peter Wohlleben, edito Macro, 2016 (Pp. 265 - Prezzo 18,60) che racconta storie incredibili sulle facoltà sorprendenti degli alberi (1): l’autore, celebre guardia forestale, ne parla basandosi sia sulle più recenti scoperte scientifiche, sia sulle sue esperienze dirette (2). Gli alberi, silenziosi (o almeno così pensavamo) giganti buo...

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.