04ott 2018
In veneto, il primo ristorante amico dei diabetici
Fraccaro Café e la "strategia del conteggio dei carboidrati"

Un plauso per quella ristorazione che riesce a mettersi in discussione, volgendo lo sguardo e l'interesse anche verso chi ha limitazioni importanti di tipo alimentare. Non parliamo di diete varie o di intolleranza al glutine ma di chi è affetto dal diabete 1, che come si sa, colpisce quelle persone il cui pancreas non produce più insulina. Ragion per cui devono vivere iniettandosi sottocute la quantità corretta prima di ogni assunzione di cibo. Una delle patologie a maggior impatto sociale del nostro tempo tanto che gli ultimi dati parlano di un’incidenza di 1 bambino su 800 colpito da diabete mellito.
Il ristorante in questione, primo a porsi dalla parte dei diabetici, è il Fraccaro Café, a Castelfranco Veneto (1 - 2). Come? Con un menù ad hoc che risponde all’esigenza della "strategia del conteggio dei carboidrati", fondamentale nel raggiungimento del controllo glicemico (3). Ogni voce del menù riporta, infatti, la quota chiamata CHO che indica la quantità di carboidrati presente in ogni porzione.
Lo spazio gourmet (4 - 5) aderisce al progetto d1abfriend promosso da Nastrino Invisibile Onlus, Associazione Trevigiana Giovani con Diabete. 
"Il Fraccaro Café è un concept store con una formula originale, per questo abbiamo deciso di aderire a questo encomiabile progetto dedicato alle persone affette da diabete di tipo 1" - dichiara il Presidente Luca Fraccaro. Aggiunge Paolo Pietrobon, Presidente del Fraccaro Café: ”Il risultato implementa quella che è la vocazione naturale della location: riunire diverse esigenze e rispondere con la varietà offerta alle necessità di un vasto pubblico. Il nostro chef Luca Pibiri, insieme all’Associazione Nastrino Invisibile Onlus, che fa riferimento al centro diabetologico pediatrico di Castelfranco Veneto seguito dal Dottor Francesco Oteri, ha studiato ogni voce del menù, dai primi piatti alla pizza, dalle brioche per la colazione al gelato, per calcolare la quota di carboidrati presente in ogni porzione. Questa quota, chiamata CHO, viene indicata per ogni portata, agevolando, così, le persone affette da questa malattia. Inoltre questa informazione può essere utile a tutti coloro che semplicemente vogliono seguire una dieta controllata.”

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Il freddo ormai bussa alle porte. Le giornate diventano più corte e… torna la voglia di casa (1). Avvolti dall’effetto cocoon, riscopriamo la gioia del confort di stare tra le mura domestiche. E così molti celebrano i primi sabati d’autunno "copertina di linus-divano-tè-caldo-fiction-tv".
Ecco i weekend inside invece che outside, complice la rete con anche l’editoria on line che permette di usufruire di decine di magazine da sfogliare liberamente dal proprio smartphone (2). O ancora Instagram. Per non parlare della te...

 

 

SIAL bann it 728x90 distribuzione moderna 002


FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.