16gen 2019
“I laboratori a tavola – il buono che avanza”: la premiazione a Milano

Di Franca D.Scotti


Un'iniziativa meritoria quella proposta da Surgital, la prima azienda italiana produttrice di pasta fresca surgelata, piatti pronti surgelati e sughi in pepite surgelati per la ristorazione, il catering e il canale bar.
“I laboratori a tavola - Il buono che avanza” sono l’evento firmato Surgital contro lo spreco alimentare in cucina. Tema di grande attualità: basti pensare che il 16% del cibo commestibile prodotto in Italia (del valore di 16 miliardi di euro) che viene gettato ogni anno arriva dalla ristorazione (fonte oneplanetfood.info).
“Il buono che avanza è uno dei progetti di formazione a cui Surgital tiene in modo particolare, che permette all’azienda di trasmettere la tradizione italiana della pasta fresca alle giovani generazioni, toccando ogni anno temi imprescindibili quando si parla di ristorazione di qualità – dichiara Romana Tamburini. Un’occasione per formare e promuovere la conoscenza sui prodotti e sulla cultura gastronomica con gli chef di domani, e un’opportunità per i ragazzi per misurarsi con le loro capacità, facendosi guidare da esperti di alto livello”.
I vincitori del concorso, studenti delle classi quarte degli istituti alberghieri italiani, sono stati premiati a Milano presso Sonia Factory. Gli studenti suddivisi in brigate e sotto la guida di quattro esponenti della Squadra Nazionale APCI Chef Italia, si sono cimentati nella preparazione di ricette anti spreco con l’impiego delle specialità della linea Laboratorio Tortellini®, marchio storico che vanta una gamma di oltre 100 referenze di pasta fresca (1 - 2 - 3).
All’edizione 2018 hanno aderito 36 classi con spunti molto interessanti. Le ricette premiate sono state selezionate da una giuria composta da grandi esperti di gastronomia: la presidente di Surgital Romana Tamburini, il presidente APCI Roberto Carcangiu, il team chef coordinator di De Gusto, l’Ateneo della Pasta, Fabio Lorenzoni, il giornalista Luigi Franchi e Valentino Marcattilii, chef del ristorante bistellato San Domenico di Imola.


Ecco i vincitori:
1° Classificato: istituto IPSSEOA G. Minuto di Marina di Massa, classe IV CD, con Gran Gnocchi di Patata in “il buono che non immagini” (4). Un piatto nato per ridurre lo spreco di pesce, che prevede l’utilizzo del carapace delle mazzancolle.
2° Classificato: I.S.I.S.S. G. Magnaghi-Solari di Salsomaggiore Terme, classe IV B, con Pappardelle con vellutata e polpettine di prosciutto crudo e cialde di sedano verde. Un piatto ideato per minimizzare lo spreco di carne, che prevede l’impiego del gambetto di prosciutto quando non è più possibile affettarlo con l’affettatrice.
3 ° CLASSIFICATO: istituto IPSSEOA Sigismondo Pandolfo Malatesta, classe IV C, con Alternativamente buono. Un piatto nato per ridurre lo spreco di verdura, che prevede l’utilizzo di torsoli e foglie di cavolfiore.
Oltre a questi riconoscimenti, è stato conferito anche un Premio della giuria all’istituto I.P.S.S.A.R. P. Artusi, classe IV B, con Passeggiata nel bosco (5), un piatto che prevede l’impiego dei gambi del prezzemolo.
Proprio le ricette ideate dalle scuole sono le protagoniste del ricettario Surgital che come da tradizione viene pubblicato per ogni edizione.

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Tempo di primavera. La sentita nell'aria (1)? Certo, il clima benché già più mite, non è ancora però stabile ma il profumo di erba fresca e di magnolia, anche per chi vive in città, inizia a solleticare, facendoci star meglio e invitandoci a trascorrere più ore all'aria aperta.
Ma primavera significa altresì countdown dell'evento più importante dell'anno per chi, come noi, si occupa anche di arredamento e design. Il momento del Salone del Mobile m...

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.