06nov 2017
Dalla Francia, il metodo di France Guillain per dimagrire e non solo…
bagni derivativi, alimentazione corretta, sole, argilla e… il Miam-Ô-Fruit

Il "Metodo" (1) della francese France Guillain (2), autrice di best seller, ingegnere fisico e dietologa, già praticato da milioni di persone nel mondo, insegna come mantenersi in forma, in salute con uno sforzo veramente ridicolo.
Edito Edizioni l'Età dell'Acquario (3), il prezioso vademecum si basa su pochi principi elementari: masticare a lungo per permettere, tra l'altro, alla bocca di comportarsi come uno scanner (ricordate che ogni volta che si introduce un liquido o un solido nella bocca, il 20% va diritto al cervello!), mangiare equilibrato prediligendo frutta e verdura, godere della luce del sole e dei benefici dell'argilla, nonché abituarsi a praticare i bagni derivativi, ossia rinfrescare regolarmente il perineo con acqua fredda. Non basta infatti alimentarsi con intelligenza, bisogna anche che le sostanze assunte circolino in tutto il corpo. Ecco che questi bagni "raffreddanti" hanno un forte potere antinfiammatorio, oltre ad avere un'azione immediata sulla motilità dell'intestino, alias trasposto grassi.

Che ci crediate o no, con i suoi milioni di neuroni, lo stomaco "non è un bidone nel quale si può buttare qualunque cosa!". Un tempio, da "venerare" e rispettare perché qui si crea il 95% della serotonina e si generano ben venti neuromediatori, utili al cervello per supere gli stress della vita. Di più… l'autrice ci tiene a sottolineare che il "QI e la vivacità della mente dipendono in buona parte da ciò che mangiamo. Anche l'intelligenza può essere compromessa o migliorata dal nostro modo di vivere".
Ed ecco la parte clou di tutto il metodo, la ricetta per eccellenza, l'eccezionale preparato, il rigeneratore cellulare, "una pura meraviglia" come lo chiama la Guillain: il Miam-Ô-Fruit. La colazione ideale per stare bene: 1/2 banana di grandezza media, 1 cucchiaio di olio di lino bio ricco di omega 3 e un altro di sesamo, mezzo limone spremuto, tre cucchiai misti di frutta secca e/o semi oleosi e naturalmente vari pezzi di almeno tre frutti diversi, fra cui mezza mela. Se poi si desidera aggiungere anche miele e polline freschi, nulla lo vieta, anzi… si armonizzano perfettamente con la frutta fresca.
Ma il testo è molto di più, tanto che le oltre 240 pagine non lasciano certo al caso. Preciso, dettagliato, mai "cavilloso", racconta in modo fruibile e brillante perché fare una scelta o rivedere alcune delle nostre abitudini alimentari spesso "errate" e soprattutto non in sintonia con il nostro corpo. Ci insegna a volerci bene con "metodo", non uno qualunque, o improvvisato, o figlio di una "moda" passeggera. Bensì un procedimento, la cui sintesi è stata pubblicata dall'Università di Harvard nel 2008. Scusate se è poco…

 

Il metodo di France Guillain

France Guillain

Edizioni l'Età dell'Acquario, 2017

Pp: 255

Prezzo: 22 euro

 

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Devo confessare che l'ultima riunione di redazione per discutere su argomenti utili, anche e soprattutto, per il prossimo editoriale, è stata come pervasa, almeno in principio, da un mood vagamente annoiato. Sì, avete capito bene… il tema era il Natale che verrà (1). Ed ecco quindi i soggetti che uscivano dal brain storming fiorentino: "Il piacere di donare e di ricevere", "Dare come parola talismano, che fa crescere", "Natale anniversario del cuore, il momento per recuperare dal solaio le statuine per il Presepe", "Albero si o albero no", "I mercatini di Natale più belli d...

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.