20gen 2019
CIBO E SICUREZZA, la grande sfida
La filiera di controllo a garanzia del consumatore

“Parla come mangi” così recitava un antico proverbio, ma oggi se dovessimo realmente esprimerci come ci alimentiamo, cosa succederebbe mai? Il timore, forse non del tutto infondato (anzi), è che lo spettacolo proposto sia tutt'altro che limpido.

Va detto però che la sicurezza degli alimenti, punto chiave della filiera alimentare così come il controllo, è strettamente stabilita e monitorata da norme stringenti, almeno nei Paesi UE, cosa ben diversa altrove. Basti pensare che nel 2017 sono stati effettuati nei punti vendita della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) 2 milioni e 300 mila test (pubblici e privati). L'osservazione puntuale e costante sulla tracciabilità, sulle scadenze, sugli stati di conservazione e sull'igiene dei prodotti alimentari che quotidianamente troviamo a scaffale quando andiamo a fare la spesa nel super sotto casa (1).  Di particolare interesse quindi la recente presentazione a Palazzo dei Giureconsulti a Milano a tema sicurezza alimentare nella Grande Distribuzione. In particolare è stato reso pubblico il dossier, intitolato “Sicurezza alimentare, tracciabilità e qualità”, realizzato da The European House – Ambrosetti, per conto dell’Associazione della Distribuzione Moderna (ADM).
Sono stati quindi approfonditi i molti (esattamente 25) Enti controllori europei che sovraintendono alla catena alimentare nella grande distribuzione: una garanzia certamente per il consumatore, una complicazione forse per l’industria. Un quadro analitico intelligente e imprescindibile per il consumatore che può così mettersi in guardia da fake news o articoli ad effetto. Non sono pochi infatti i soggetti deputati a tali verifiche: dai Ministeri alle ASL, dai Carabinieri alla Guardia di Finanza, dall’Ispettorato anti frodi ai Consorzi di tutela. A questi controlli vanno sommate le centinaia di migliaia di test che le varie catene della distribuzione moderna con i loro Uffici Controllo Qualità affidano a istituti specializzati indipendenti. Nel 2017 le stesse insegne distributive hanno inoltre commissionato circa 2 mila controlli su quelle industrie che forniscono i prodotti a Marchio delle varie insegne e di prodotti freschi e freschissimi.
“Siamo fieri di essere un Paese che assicura ai propri consumatori il massimo delle garanzie sulla sicurezza alimentare – ha affermato Giogio Santambrogio Presidente di ADM (2 - Primo da Sx) - e di essere un settore che contribuisce in modo determinante a raggiungere questo risultato, applicando rigorosamente le norme e facendo di più con attività di autocontrollo. E’ tuttavia necessario, a nostro parere, attivare un miglior coordinamento tra i tanti enti preposti ai controlli, razionalizzandone gli interventi e assicurando unicità di interpretazione della medesima norma sul territorio. Dunque ben vengano i controlli, ma procediamo ad una messa a punto del piano complessivo, per evitare quelle procedure o incomprensioni che non generano alcun vantaggio sulla sicurezza, ma creano ostacoli e burocrazia dove invece ci dovrebbero essere efficienza e risultati”.
Insomma controlli, tracciabilità, Enti certificatori e di verifica. Tutto converge nel garantire per quanto possibile il consumatore, ma non ci stancheremo mai di ricordare un antico proverbio dei giusti nell’antica Roma: “Erranti bus non dormienti bus jura succurrunt” (la legge aiuta chi sbaglia, non chi dorme)… e quindi di ripetere al consumatore di leggere (e bene!) le etichette, primo baluardo della sicurezza a tavola (3). Buona lettura e buon appetito!

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Tempo di primavera. La sentita nell'aria (1)? Certo, il clima benché già più mite, non è ancora però stabile ma il profumo di erba fresca e di magnolia, anche per chi vive in città, inizia a solleticare, facendoci star meglio e invitandoci a trascorrere più ore all'aria aperta.
Ma primavera significa altresì countdown dell'evento più importante dell'anno per chi, come noi, si occupa anche di arredamento e design. Il momento del Salone del Mobile m...

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.