26dic 2017
Addio a Gualtiero Marchesi, padre della cucina italiana

Le parole si sprecano e forse non sarebbero piaciute a questo vero signore, prima ancora che maestro fondatore della cucina italiana, il primo a raggiungere le mitiche tre stelle Michelin, ma pronto a restituirle contestandone e forse non a torto, le modalità di conferimento.

Da Gualtiero Marchesi (1) tutti hanno imparato, nessuno escluso e se la sua capacità e competenza tecnica è stata acquisita e rielaborata, non sappiamo se realmente anche migliorata, dai suoi discepoli, certo non ne hanno eguagliato il tratto signorile. Da chi pubblicizza le patatine sui camion per strada, a chi imperversa in televisione un giorno sì ed un altro anche, a chi si dispera per una stella persa e se ne inventa una alternativa…

Gualtiero Marchesi parlava con i fatti, da gran signore appunto, con i suo inimitabili risotti, con la sua classe e gentilezza, con la semplicità che solo i grandi hanno. Prima di tutto i grandi uomini, chef o no e di lui il tratto meno famoso ma forse più bello di chi, come me, ha avuto il piacere e l’onore di incontrarlo.

Arrivederci Maestro. Da domani sarai, probabilmente, a ideare piatti da Dio. Ma in fondo, l’hai sempre fatto.

1

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Poco tempo fa mi è capitato di leggere un libro molto singolare… “La vita segreta degli alberi” di Peter Wohlleben, edito Macro, 2016 (Pp. 265 - Prezzo 18,60) che racconta storie incredibili sulle facoltà sorprendenti degli alberi (1): l’autore, celebre guardia forestale, ne parla basandosi sia sulle più recenti scoperte scientifiche, sia sulle sue esperienze dirette (2). Gli alberi, silenziosi (o almeno così pensavamo) giganti buo...

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.